MYANMAR
Mostra l'articolo per intero...
 
Myanmar: Corte Suprema respinge appello per i giornalisti arrestati (7)
 
 
Naypyidaw, 23 apr 06:06 - (Agenzia Nova) - Al consigliere di Stato Suu Kyi e al suo partito viene imputato di aver abbandonato le promesse di protezione della stampa e promozione dell’indipendenza dei media. Linda Lakhdhir, consulente legale per l’Asia di Human Rights Watch e autore del rapporto, afferma che “ Aung San Suu Kyi e la Lega nazionale per la democrazia avevano promesso l’edificazione di un nuovo Myanmar, ma il governo continua a perseguire l’espressione pacifica del dissenso, e non ha rivisto le vecchi norme di legge oppressive”. Il rapporto imputa all’esecutivo in carica l’utilizzo sempre più frequente della sezione 66(d) della Legge sulle telecomunicazioni, che di fatto equipara le espressioni di dissenso a “diffamazione”. (Inn)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..