SUDAN
Mostra l'articolo per intero...
 
Sudan: presidenza Consiglio sovrano a militari, opposizione smentisce (4)
 
 
Khartum, 22 mag 11:15 - (Agenzia Nova) - La decisione di sospendere i negoziati è stata fortemente condannata dall'opposizione, che in una dichiarazione diffusa subito dopo l'annuncio ha respinto le accuse sottolineando che la pace rimane la sua arma principale per scoraggiare le dittature, ricordando che decine di civili sono stati uccisi durante le proteste che hanno portato al rovesciamento dell'ex presidente Omar al Bashir. L'opposizione ha inoltre richiesto un'indagine urgente sul "sanguinoso massacro" avvenuto il 13 maggio, che ha provocato la morte di sette civili e di un ufficiale dell'esercito, e ha respinto l'accusa di ostacolare la circolazione dei treni e ha ribadito l'impegno a limitare le manifestazioni al solo sit-in al sito di protesta al di fuori del quartier generale dell'esercito. La sospensione è giunta dopo che le violenze riesplose negli ultimi tra manifestanti e forze di sicurezza hanno causato la morte di almeno otto persone e il ferimento di altre 14, tre delle quali sono in condizioni critiche. Il mese scorso Consiglio per la pace e la sicurezza dell'Unione africana ha esteso a due mesi, ovvero fino al 30 giugno, il termine concesso al Tmc per consegnare il potere ad autorità civili, rivedendo così il precedente termine di 15 giorni imposto il mese scorso ai militari sudanesi. Lo scorso 11 aprile il Consiglio militare ha destituito e arrestato l’ex presidente Omar al Bashir, per 30 anni al potere in Sudan, il quale si trova ora detenuto nel carcere di Kobar a Khartum. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..