TERRORISMO
 
Terrorismo: start-up israeliana, bitcoin dietro attacchi in Sri Lanka
Gerusalemme , 02 mag 17:02 - (Agenzia Nova) - La criptovaluta bitcoin ha avuto un ruolo nella realizzazione degli attacchi terroristici in Sri Lanka, avvenuti lo scorso 21 aprile, rivendicati dallo Stato islamico (Is). E’ quanto emerge da uno studio condotto dalla start-up israeliana Whitestream, specializzata sulla blockchain. Secondo quanto rivela il quotidiano d’informazione economica israeliano “Globes”, Whitestream ha scoperto che alla vigilia degli attacchi è stato registrato un eccezionale trasferimento di bitcoin che sarebbero arrivati all’Is. In particolare, l’Is ha utilizzato i canali di pagamento di CoinPayements, società registrata nelle Isole Caiman, per convertire i bitcoin in moneta corrente. Il portafoglio di pagamento di CoinPayements è passato da 500 mila a 4,5 milioni di dollari alla vigilia degli attacchi. Secondo quanto riferito da “Globes”, CoinPayements ha ammesso il coinvolgimento del proprio portafoglio, ma ha negato connessioni con l’Is. "È possibile che la società non sia a conoscenza dell'uso dei propri portafogli, probabilmente perché l’Is usa compagnie fittizie per trasferire i soldi”, conclude. "Negli ultimi due anni l’Is ha avviato una campagna di raccolta fondi in bitcoin, con l'obiettivo di rafforzare la divisione tecnologica dell'organizzazione, che si occupa di media, pubblicità e infrastrutture informatiche”, ha fatto sapere Whitestream. (Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..