LIBIA
 
Libia: Stefania Craxi, preoccupazione per presenza Stato islamico a Tripoli
Roma, 22 mag 12:45 - (Agenzia Nova) - Le dichiarazioni dell’inviato speciale Onu per la Libia, Ghassan Salamé, "sono forti e chiare. Confermano i nostri sospetti ed il rischio, già denunciato nella sede parlamentare, di trasformare il territorio libico, ed in particolare Tripoli, in un nuovo campo di battaglia per lo Stato islamico". Lo sostiene Stefania Craxi, senatore di Forza italia e vicepresidente della commissione Affari esteri. "Non c’è dubbio che caos e conflitti rappresentino un terreno fertile e una base strategica per gruppi terroristici - spiega -. Ma la conferma di cellule terroristiche anche in quel di Tripoli apre a nuovi scenari che debbono condizionare pesantemente l’evoluzione e le soluzioni del conflitto in Libia, visto che le parti in causa che continuano a rinfacciarsi accuse di connivenza con i terroristi islamici". La Craxi interviene anche sull'incontro previsto oggi tra il presidente francese Emmanuel Macron e il comandante dell'esercito nazionale libico (Lna), generale Khalifa Haftar. "Non credo che l’incontro odierno di Haftar con il presidente Macron possa portare novità emulando in questo il recente incontro di Roma che, nonostante le esternazioni di Conte smentite dallo stesso Salamé, non è stato certo un successo", sostiene la senatrice. Infine, la Craxi afferma che "ha ragione il presidente di Confidustria, Vincenzo Boccia: con un’Europa divisa e con un’Italia debole pagheremo cara l’instabilità libica. Il rischio è che tale conto comprenda una nuova guerra al terrorismo che si consumerà pericolosamente sui nostri confini e che ci riguarderà ancor più che in passato. È uno scontro che condizionerà la nostra sicurezza e che si giocherà sulla pelle dei tanti civili intrappolati a Tripoli".

(Com)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..