SPAGNA
Mostra l'articolo per intero...
 
Spagna: premier Sanchez a "la Repubblica", più progresso per tutti
 
 
Roma, 04 apr 10:08 - (Agenzia Nova) - L'ascesa dell'ultradestra a livello globale rappresenta un'enorme opportunità perla socialdemocrazia. L'alternativa è avanzare o retrocedere, la scelta è tra un progresso dove nessuno resti indietro o il progresso di una minoranza a spese della maggioranza. Pedro Sánchez rivendica i valori più profondi della storia del socialismo spagnolo per ripartire alla conquista della Moncloa, la sede della presidenza del governo dove si installò dieci mesi fa grazie al successo della mozione parlamentare di censura all'esecutivo conservatore di Mariano Rgjoy. Il leader del Psoe riceve "la Repubblica" nella storica sede del partito in Calle Ferraz a Madrid nelle ore in cui viene lanciata la campagna elettorale per le politiche anticipate del 28 aprile, all'insegna dello slogan Haz que pase, fai in modo che succeda. Il presidente è convintissimo che 'succederà', sa che tutti i sondaggi danno i socialisti in testa ma invita alla mobilitazione per scongiurare l'astensionismo, che potrebbe rilanciare la destra, il cui discorso è monopolizzato dagli 'ultras' di Vox. "In Spagna l'estrema destra è sempre esistita. La destra politica spagnola finora aveva riunito tutte le correnti tra uno spazio più moderato e uno ultraconservatore. E ora abbiamo un partito che occupa quello spazio. Perciò non mi pare che ci sia una novità sostanziale. Non mi preoccupa tanto quella destra in termini di seggi, perché non vincerà mai le elezioni. Però mi preoccupa per il modo in cui sta radicalizzando il discorso politico delle altre due formazioni di quell'area, Pp e Ciudadanos". (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..