THAILANDIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Thailandia: 13 attivisti politici accusati di sedizione (2)
Bangkok, 22 mag 12:22 - (Agenzia Nova) - Attivisti politici e critici della Corona thailandesi, che negli scorsi anni hanno cercato rifugio in altri paesi della regione, sono oggetto di una apparente campagna di arresti lanciata dalla giunta thailandese dopo le elezioni generali del 24 marzo, e a seguito della formale coronazione del nuovo sovrano. Questo mese le autorità della Malesia hanno rimpatriato a forza una attivista politica thailandese perseguita in patria per le sue opinioni critiche nei confronti della Monarchia. Praphan Pipithnamporn, registrata come richiedente asilo dall’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr), è stata rimpatriata a Bangkok il 10 maggio scorso e tratta in arresto dalle autorità thailandesi, in quella che la ong Human Rights Watch ha definito una violazione degli obblighi internazionali assunti dalla Malesia. “Lo sprezzo delle leggi internazionali da parte della Malesia ha posto un’attivista thailandese in grave pericolo di ingiusto processo e detenzione arbitraria in Thailandia”, ha accusato Brad Adams, direttore per l’Asia di Human Rights Watch. Praphan era stata arrestata dalla Polizia malese il 24 aprile scorso, su mandato delle autorità thailandesi. La donna è stata estradata sulla base di una ordinanza di arresto risalente a gennaio, che la accusa di sedizione per la sua vicinanza al gruppo anti-monarchico pacifico “Organizzazione per la Federazione thailandese”. (segue) (Fim)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..