TUNISIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Tunisia: giudice Kannou a "Il Secolo XIX", il paese sta cambiando, è in transizione verso la democrazia (3)
 
 
Roma, 25 mar 10:22 - (Agenzia Nova) - La Tunisia, sebbene oggi meno della Libia, è un importante crocevia della massiva migrazione dall'Africa. Kannou ha seguito il dibattito e crede che l'eccessiva durezza non paghi. Serve equilibrio, i flussi vanno gestiti, ma non con il pugno di ferro. L'origine di tutto, a monte, è che la gente lascia territori senza prospettive, che i Paesi Occidentali hanno impoverito per anni. Adesso non ci si può girare dall'altra parte, servono politiche che promuovano lo sviluppo. A ottobre si vota per le legislative, a novembre per le presidenziali. La Grosse koalition tra il partito laico Nidaa Tounes, fondato dal presidente della Repubblica Beji Cadi Essebsi, e il partito islamico moderato Ennahda, sembra destinata a rompersi. Uno è espressione dell'ancièn regime, l'altro un partito islamista. Io - spiega - sono alternativa e mi oppongo a entrambi. Nessuno dei due incarna gli ideali per cui mi batto. E hanno dimostrato di aver fallito tutte le ricette economiche. Quanto all'eventualità di una ricandidatura, non ha ancora deciso e, soprattutto, non dipende da lei. "La rete civica di cui faccio parte deve ancora discutere quali margini di consenso può avere, se conviene presentare un candidato e nel caso quale, o se invece sia più opportuno apparentarci ad altre forze politiche a noi affini", ha concluso Kannou. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..