LIBIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Libia: portavoce presidenza Tunisia interviene sul caso delle presunte “spie francesi” (4)
 
 
Tripoli , 23 apr 17:47 - (Agenzia Nova) - Sulla vicenda si è espresso pubblicamente anche l’ambasciatore francese a Tunisi, Olivier Poivre d’Arvor, secondo cui la delegazione fermata (e successivamente rilasciata) a Ras Jedir aveva l’obbligo di essere dotata di armi" perché incaricata di proteggere l’ambasciata francese a Tripoli. L’operazione, ha detto il diplomatico, si è svolta "in coordinamento tra le autorità tunisine e la diplomazia di Parigi". Poivre d'Arvor ha assicurato di aver coordinato l'intera operazione e che il passaggio della frontiera dei 13 paesi è avvenuto “nel modo più normale possibile”. Il diplomatico ha aggiunto che il personale diplomatico francese a Tripoli è stato costretto a lasciare la Libia a causa dei crescenti rischi per la sicurezza e che la rotta terrestre è stata ritenuta “la più sicura” per il ritiro. (segue) (Tut)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..