IMMIGRAZIONE
 
Immigrazione: Civica (Uil Lazio), espulsioni di massa sogno di Salvini, ma disastro economico-sociale
Roma, 16 mag 15:44 - (Agenzia Nova) - "Se fossero espulsi i 680 mila stranieri regolarmente residenti nel Lazio, accadrebbe che si realizza il sogno del ministro Salvini, ma probabilmente, dal punto di vista economico e sociale, avremmo grandi danni e problemi". Lo ha detto il segretario generale della Uil Lazio, Alberto Civica, presentando, presso la sede regionale del sindacato, un dossier sull'immigrazione nella Regione Lazio, realizzato da Uil Lazio in collaborazione con l'istituto di ricerca Eures. "Quasi 200 mila famiglia nella nostra Regione - ha aggiunto Civica - non avrebbero più il supporto per le persone anziane o per le persone non autosufficienti, che oggi sono sostanzialmente assistite da personale straniero. Inoltre, potremmo avere 20 mila addetti in agricoltura, che sono quasi il 70 per cento della forza lavoro nei nostri campi, che svanirebbe". Dallo studio emerge, che ancora più indicativo è il saldo contributivo/previdenziale della popolazione straniera e di quella italiana residente nel territorio regionale: i dati mostrano infatti come tra gli stranieri si registri un'eccedenza di 915 milioni di euro, a fronte di un saldo pari a -3,1 miliardi con riferimento alla popolazione italiana. "In sostanza pur non potendo affermare che gli immigrati residenti paghino interamente le nostre pensioni - ha commentato il segretario – è indubbio che, a differenza degli italiani, apportino un contributo positivo al nostro sistema previdenziale. Ciò significa che se ipoteticamente gli stranieri venissero espulsi dal nostro Paese avremmo anche una diminuzione delle pensioni di anzianità e un tracollo del sistema previdenziale. Quindi - ha sottolineato ancora - prima di ipotizzare grandi manovre populiste e nazionalistiche, bisognerebbe che i nostri politici si informassero su ciò che questo comporterebbe realmente anche per la popolazione italiana, che tanto dicono di avere a cuore. Nella sostanza - ha concluso - avremmo una perdita di Pil di quasi 20 miliardi: un disastro".
(xcol2)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..