SOMALIA
 
Somalia: militare ugandese uccide superiore e si toglie la vita, esercito apre indagine
Mogadiscio, 13 mag 12:05 - (Agenzia Nova) - L'esercito ugandese sta indagando sul caso di un militare impiegato a Mogadiscio nell’ambito del contingente della Missione dell’Unione africana in Somalia (Amisom) a Mogadiscio, che ha ucciso il suo superiore prima di spararsi. Secondo quanto riferito da fonti militari somale citate dal quotidiano ugandese “Daily Monitor”, nella sparatoria avvenuta sabato scorso sono rimasti uccisi in totale quattro militari, tuttavia il portavoce delle Forze armate ugandesi, Richard Karemire, ha riferito allo stesso quotidiano che solo due militari sono morti e che gli investigatori stanno lavorando per stabilire le ragioni dell’accaduto. L'incidente è avvenuto nella base principale della missione Amisom, di cui l’Uganda è primo contributore con oltre 6 mila uomini impiegati. L’episodio non è il primo di questo genere tra le forze armate ugandesi, dal momento che nel 2016 il sergente Isaac Obua uccise sette suoi colleghi all'interno della caserma della polizia militare di Makindye, a Kampala, mentre nel dicembre scorso un altro militare, Isaac Newton Okello, è stato condannato all’ergastolo per aver ucciso una donna incinta, suo marito e suo figlio nel distretto di Alebtong. Un altro episodio simile si verificò nel 2013 quando Patrick Odoch uccise 11 persone vicino al quartier generale di Bombo per ragioni di gelosia. (Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..