MOLDOVA
 
Moldova: ambasciatore a Vienna sottolinea “illegalità” presenza truppe russe in Transnistria
Chisinau, 16 mag 16:42 - (Agenzia Nova) - L'ambasciatore moldavo in Austria, Victor Osipov, ha sottolineato, nell'ambito del Forum per la cooperazione nel settore della sicurezza (Fcs), l'illegittimità dello stazionamento delle truppe russe sul suo territorio, contestando il ricorso della Russia all'accordo del 1992. Il diplomatico moldavo ha ribadito che il Gruppo operativo russo (Gotr) si trova “illegalmente” sul territorio della Moldova e deve essere ritirato incondizionatamente, insieme alle scorte di armi e munizioni. Il capo della missione diplomatica moldava a Vienna ha sottolineato che la parte russa applicherebbe “questo trucco da diversi anni”, vale a dire l'invocazione dell'accordo di pace del 21 luglio 1992, nella sezione che chiede spiegazioni sulla presenza di forze militari di uno stato nel territorio di un altro stato membro dell'Osce. Osipov ha anche sottolineato che il testo del documento non contiene alcuna menzione che possa essere interpretata come accettazione della presenza militare straniera. L’ambasciatore ha ricordato che l'ultima volta la necessità di un ritiro incondizionato delle truppe e delle munizioni russe è stata espressa nella risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite adottata il 22 giugno 2018. In precedenza, la Federazione russa ha assunto questo impegno firmando la dichiarazione del vertice dell'Osce a Istanbul. Moc
(Moc)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..