SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Profumo (Leonardo), nel 2018 importanti passi verso obiettivi piano industriale
Roma, 16 mag 16:00 - (Agenzia Nova) - Nel 2018 Leonardo ha realizzato importanti passi avanti verso il raggiungimento degli obiettivi del piano industriale, ovvero la costruzione di un futuro sostenibile della nostra società. Lo ha detto l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, presentando il bilancio di esercizio al 31 dicembre del 2018 nel corso dell’assemblea degli azionisti in corso oggi a Roma nella sede dell’Accademia nazionale dei Lincei. “Abbiamo raggiunto o superato i nostri obiettivi in termini di crescita e ricavi alla guidance e un portafoglio ordini record”, ha detto Profumo, sottolineando il “forte rafforzamento” della “presenza internazionale” della compagnia “grazie ai successi ottenuti nei mercati d’esportazione”. Profumo ha inoltre sottolineato la positiva “redditività del gruppo trainata da ordini e ricavi”, oltre che “dai piani di efficientamento del controllo dei costi”. Infine, l’Ad ha sottolinea una “crescente fiducia nell’incremento della redditività”. Il 2018 per Leonardo, come si legge nella relazione finanziaria annuale, ha registrato un incremento significativo dei volumi di ordini e ricavi, con un portafoglio ordini, di oltre 36 miliardi di euro, che rafforza le previsioni di crescita dei prossimi anni. Proprio questa crescita è accompagnata da una robusta redditività operativa, da un significativo incremento del risultato netto e da una solida generazione di cassa. Come affermato anche da Profumo nel suo intervento, sono state confermate le aspettative di ripresa degli Elicotteri. “Siamo uno degli attori chiave a livello mondiale e leader come valore nel mercato civile”, ha detto l’Ad di Leonardo, secondo cui la quota di mercato “si attesta a circa il 40 per cento”. Profumo ha spiegato che linee guida per il comparto sono “un continuo focus sull’attività di supporto e addestramento”, che si vuol continuare a sviluppare, e il mantenimento della “leadership tecnologica nella parte delle trasmissioni” definite “un fiore all’occhiello”. Nel 2018 si è registrato un elevato livello di ordini grazie all’acquisizione del contratto per la fornitura di 28 elicotteri NH90 al ministero della Difesa del Qatar, in cui Leonardo agisce in qualità di prime contractor. Inoltre, a settembre, l’Aeronautica statunitense ha scelto l’elicottero MH-139 per la sostituzione della sua flotta di UH-1N “Huey”, riconoscendo la qualità e la competitività dei prodotti anche sul mercato Usa. Infine si preannuncia nel corso di quest’anno, o al massimo nel 2020, la certificazione sull’AW609. Con l’obiettivo di ottimizzare l’organizzazione del comparto Elettronica per la difesa e sicurezza e affrontare adeguatamente le sfide tecnologiche e competitive che caratterizzano un business strategico per Leonardo e in forte crescita, ne è stata riorganizzata le attività e costituita la nuova Divisione Elettronica. Il 2018 ha visto una performance commerciale particolarmente positiva per il comparto, con un rapporto tra ordini e ricavi superiore a 1 per il terzo anno consecutivo, e ricavi in crescita rispetto al 2017 nonostante l’effetto sfavorevole del cambio. “Grazie a Leonardo Drs abbiamo accesso al più importante mercato della difesa”, ha spiegato Profumo, riferendosi a quello degli Stati Uniti. D’altronde, ha aggiunto, i ricavi del comparto “sono trainati da Leonardo Drs”, oltre che dalla divisione Sistemi avionici e spaziali e dall’Elettronica per la difesa terrestre e navale. Come si legge nella relazione finanziaria, è positivo l’andamento registrato da Mbda, in termini sia di portafoglio ordini sia di ricavi. Per quanto riguarda i velivoli, il posizionamento competitivo di Leonardo nel segmento degli aerei militari continua a rafforzarsi, facendo leva sui successi commerciali dell’Eurofighter sui mercati export, con i contratti Kuwait e Qatar e i nuovi sviluppi che ne vanno a favorire l’incremento della capacità operativa e delle prestazioni. Nel comparto degli addestratori, si conferma la leadership dell’M-346 che ha visto il lancio di nuove versioni (M-346 Dual Role, M-346 Fighter Attack) e di nuovi modelli (M-345 High Efficiency Trainer), nonché l’evoluzione dell’offerta verso sistemi di addestramento completi, con l’avvio dell’International Flight Training School, in collaborazione con l’Aeronautica militare. Nei velivoli da trasporto tattico continua l’ottimizzazione delle attività produttive a vantaggio di una maggiore competitività, con interessanti prospettive di nuovi sviluppi anche “dual use”. Per quanto riguarda gli aerei civili, si conferma la leadership di mercato di Atr nel segmento dei velivoli per il trasporto regionale, con l’obiettivo di rafforzare il posizionamento attraverso un continuo miglioramento del prodotto e del supporto. Leonardo sta agendo inoltre per migliorare le performance della Divisione Aerostrutture che, nel 2018, ha mostrato livelli ancora non soddisfacenti. Lo Spazio – attraverso i rapporti con Thales – continua a operare in un mercato complessivamente in espansione, registrando nell’anno un buon andamento commerciale a livello internazionale e un miglioramento della performance operativa. I risultati raggiunti sono divenuti possibili anche grazie a una strategia finanziaria disciplinata improntata su un’idea di crescita sostenibile, ovvero una costante ricerca di equilibrio tra le risorse a disposizione e le sfide dei mercati, che punta a: intercettare le aree di sviluppo tecnologico che saranno rilevanti per il futuro; investire su persone e competenze per il presidio di tali aree; essere “investment grade” per le principali agenzie di credit rating. Tutto quello che avevamo promesso è stato mantenuto e continuiamo a essere fiduciosi nel percorso intrapreso: crescita di ordini e ricavi a un tasso del 5-6 per cento annuo e rigoroso controllo dei costi, redditività di gruppo a doppia cifra e significativa generazione di cassa dal 2020. (Les)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..