SPECIALE ENERGIA
 
Speciale energia: Cda di Snam approva risultati del primo trimestre del 2019
Milano, 15 mag 14:15 - (Agenzia Nova) - Il Consiglio di amministrazione di Snam, riunitosi sotto la presidenza di Luca Dal Fabbro, ha approvato i risultati consolidati del primo trimestre 2019. Come riferisce una nota, l’utile netto si è attestato a 283 milioni di euro (+29 milioni di euro; +11,4 per cento rispetto al primo trimestre 2018), a fronte del positivo andamento della gestione operativa, della riduzione del costo medio del debito e dei maggiori proventi netti su partecipazioni. L’utile operativo ammonta a 366 milioni di euro (+11 milioni di euro; +3,1 per cento rispetto al primo trimestre 2018), grazie anche agli effetti delle azioni di efficienza poste in atto. Gli investimenti tecnici hanno raggiunto quota 166 milioni di euro, inclusi quelli nei comparti innovazione e transizione energetica (Snamtec) di 25 milioni di euro. Il Flusso di cassa libero si è attestato a 634 milioni di euro (+99 milioni di euro; +18,5 per cento rispetto al primo trimestre 2018), mentre l’indebitamento finanziario netto: 11.234 milioni di euro (11.548 milioni di euro al 31 dicembre 2018. Fra i fatti di rilievo del primo trimestre del 2019 per Snam c’è la positiva conclusione, avvenuta il 28 febbraio, dell’emissione del Climate Action Bond, il primo in Europa, del valore nominale di 500 milioni di euro, cedola annua dell’1,25 per cento e scadenza 28 agosto 2025. Il Consiglio di amministrazione, inoltre, lo scorso 19 marzo ha deliberato l’incremento da uno a due miliardi di euro dell’ammontare del programma di Euro Commercial Paper (Ecp). proseguono gli accordi in ambito mobilità sostenibile. In particolare è stato firmato il 20 marzo con Tamoil un contratto per realizzare un primo lotto di cinque stazioni di rifornimento di gas naturale sul territorio nazionale, promuovendo lo sviluppo della mobilità sostenibile per auto e camion in Italia; mentre il 28 marzo con FS Italiane e Hitachi Rail è stato siglato un memorandum d’intesa che mira alla conversione di una parte dell’attuale flotta di treni della Fondazione FS Italiane da diesel a metano, nell’ambito della promozione della mobilità sostenibile nei trasporti pubblici in Italia. Inoltre il 2 aprile l’assemblea degli azionisti di Snam ha deliberato il rinnovo del programma di Share buyback e l’annullamento di 74.197.663 azioni proprie, senza riduzione del capitale sociale, perfezionatosi il 17 aprile. (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..