UE
Mostra l'articolo per intero...
 
Ue: cresce scetticismo su Weber (Ppe) prossimo presidente Commissione
Berlino, 15 mag 21:03 - (Agenzia Nova) - A meno di due settimane dalle elezioni europee del 23-26 maggio, cresce lo scetticismo sulla nomina di Manfred Weber, il candidato del Partito popolare europeo (Ppe), a presidente della prossima Commissione europea. Lo scrive il quotidiano tedesco “Handelsblatt” evidenziando che, per essere nominato presidente della Commissione europea, Weber avrà bisogno della maggioranza dei voti nel Parlamento europeo e del Consiglio europeo. Un esito non scontato, dato che il Ppe e il Partito del socialismo europeo (Pse) dovrebbero perdere la maggioranza che ora detengono insieme nel Parlamento europeo. A Weber potrebbero quindi essere necessari i voti dell'Alleanza dei liberali e dei democratici europei (Alde), che diventerebbero la terza forza del Parlamento europeo qualora al gruppo aderisse La République en marche, il partito del presidente francese Emmanuel Macron. Tuttavia, nota “Handelsblatt”, l'Alde ha “poco in comune” con il candidato del Ppe. ”Weber non ha esperienza di governo, quindi rimane un grande punto interrogativo il come si arrivato a un tale alto compito”, afferma Nadja Hirsch, europarlamentare del Partito liberaldemocratico tedesco (Fdp), che fa parte dell'Alde. (segue) (Geb)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..