SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Etiopia, ministro Trasporti su schianto Ethiopian Airlines, “seguite procedure di sicurezza”
Addis Abeba, 04 apr 16:15 - (Agenzia Nova) - La compagnia Ethiopian Airlines aveva seguito tutte le procedure di sicurezza richieste prima dello schianto del Boeing 737 Max, precipitato lo scorso 10 marzo poco dopo il decollo da Addis Abeba. È quanto emerge dal rapporto preliminare sulle cause dello schianto, pubblicato oggi e presentato alla stampa dal ministro dei Trasporti etiope Dagmawit Moges. Secondo quanto riferito dal ministro, gli inquirenti sono arrivati a quattro conclusioni principali: il velivolo aveva superato il test di aeronavigabilità ed era pronto per il viaggio; l'equipaggio aveva la qualifica in licenza per operare il volo; le procedure di decollo sono avvenute secondo la norma; sono state utilizzate tutte le procedure di Boeing, ma l'equipaggio non è stato in grado di controllare il volo. La scorsa settimana il quotidiano statunitense “Wall Street Journal” aveva anticipato le conclusioni preliminari degli investigatori, secondo cui i piloti del volo 302, diretto a Nairobi, avevano attivato regolarmente il sistema anti-stallo prima dello schianto. In precedenza Ethiopian Airlines aveva respinto la notizia, riportata dal quotidiano statunitense “New York Times”, secondo cui il pilota del Boeing 737 non avrebbe ricevuto “un adeguato addestramento”. In una nota la compagnia di bandiera etiope ha quindi esortato tutti gli enti interessati ad “astenersi dal fare dichiarazioni non informate, errate, irresponsabili e fuorvianti” sul volo 302, precipitato con 157 persone a bordo. (Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..