SOMALIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Somalia: Africom ammette uccisione due civili in raid aereo nel 2018
Mogadiscio, 05 apr 18:16 - (Agenzia Nova) - Il Comando degli Stati Uniti per l’Africa (Africom) ha ammesso di aver ucciso due civili in un raid aereo in Somalia nel 2018, confermando in parte le denunce dell’organizzazione non governativa Amnesty International. È quanto si legge in un comunicato diffuso oggi, secondo cui le due vittime sono morte in un raid avvenuto nei pressi di El Bur, nella regione centrale di Mudugh. L’accaduto, conclude la nota, rappresenta tuttavia un “episodio isolato”. Il mese scorso Africom aveva respinto le accuse di Amnesty International, secondo cui diversi civili sarebbero rimasti uccisi nei raid effettuati dalle forze speciali Usa in Somalia fra il 2017 e il 2018. In una nota diffusa subito dopo la pubblicazione del rapporto, Africom aveva dichiarato che, in base alle valutazioni in suo possesso, nessun attacco aereo condotto dalle forze Usa ha provocato vittime civili o feriti. “Riteniamo che la relazione non rispecchi fedelmente i risultati conseguiti da Africom nel limitare le vittime fra i civili. Africom effettua attacchi aerei per difendere il popolo della Somalia dal terrorismo e per assistere il governo federale della Somalia ad alleviare le sfide della sicurezza. I raid aerei sono una componente dei nostri sforzi congiunti per creare una regione più sicura attraverso l'assistenza alle forze di sicurezza somale per impedire ad al Shabaab di attaccare il popolo della Somalia”, si leggeva nella dichiarazione. (segue) (Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..