MOZAMBICO
Mostra l'articolo per intero...
 
Mozambico: non si placano le tensioni tra governo e Renamo, oltre mille militari disertano l’esercito e migliaia di persone sono in fuga nel vicino Malawi
Maputo, 15 mar 2016 18:00 - (Agenzia Nova) - L’escalation di tensione e violenze che sta colpendo il Mozambico ormai da diversi mesi con la disputa tra il partito al governo, Frelimo, e il principale partito di opposizione, Renamo, sta avendo pesanti conseguenze sulla stabilità del paese africano, ormai apparentemente sull’orlo di una nuova guerra civile. All’abbandono dell’esercito da parte di migliaia di militari si aggiunge il dramma dei rifugiati scappati nel vicino Malawi. Il ministro dei Combattenti, Eusebio Lambo, citato dal quotidiano mozambicano “O Pais”, ha riferito che “1.400 militari hanno disertato l'esercito per motivi non dichiarati”. Il rapporto, presentato durante un incontro tra alti funzionari del ministero e il presidente Filipe Nyusi, non specifica esattamente il periodo di tempo in cui si sono verificate le defezioni, ma evidenzia come la provincia di Tete, teatro di forti tensioni con i militanti dell'opposizione, sia quella più interessata dal fenomeno. Nella provincia, situata nel centro del paese, è stata rilevata la presenza di "due battaglioni composti da 1.170 militari che ormai sono considerati disertori", ha riferito Lambo. Un altro gruppo armato è composto da "220 ex soldati" fuggiti da una caserma nella provincia di Sofala e rifugiati nel vicino Malawi. (segue) (Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..