SUDAFRICA
 
Sudafrica: presidente Ramaphosa condanna ondata di violenze xenofobe
Pretoria, 01 apr 12:43 - (Agenzia Nova) - Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha condannato l'ultima ondata di attacchi xenofobi nel paese e ha invitato le autorità ad assicurare alla i responsabili giustizia. “Oggi la nostra economia e la nostra società traggono vantaggio dalle nostre estese relazioni commerciali e di investimento con i partner del nostro continente e molti dei nostri amici del continente vivono in Sudafrica, dove stanno dando un contributo importante allo sviluppo del nostro paese”, ha detto Ramaphosa in una dichiarazione diffusa dal suo ufficio. “Lo sviluppo africano dipende dall'aumento dei movimenti delle persone, dei beni e dei servizi tra diversi paesi per il beneficio di tutti noi. Non consentiremo ai criminali di ritardare questi processi”, ha aggiunto il capo dello Stato, che ha definito le violenze “deplorevoli”. Nell’ultima settimana un’ondata di violenze xenofobe ha interessato la provincia costiera di KwaZulu-Natal, provocando la morte di tre persone. Le proteste sono esplose a Durban, capoluogo della provincia, dopo che una folla di circa un centinaio di disoccupati sudafricani ha costretto decine di immigrati, in prevalenza provenienti dal Malawi, a lasciare le loro case. Per discutere della questione il presidente Ramaphosa incontrerà oggi il ministro degli Esteri, Lindiwe Sisulu, e gli ambasciatori di diversi paesi africani.
(Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..