MOZAMBICO
Mostra l'articolo per intero...
 
Mozambico: ciclone Idai, a processo tre funzionari locali accusati di sottrazione aiuti alimentari
Maputo, 18 apr 12:43 - (Agenzia Nova) - È stato aggiornato al prossimo 24 aprile il processo a carico di tre consiglieri comunali della città di Beira, in Mozambico, arrestati il 22 marzo scorso con l’accusa di aver sottratto gli aiuti alimentari destinati alle vittime del ciclone Idai che ha colpito il paese il mese scorso. È quanto riferisce il quotidiano mozambicano “O Pais”, secondo cui i tre sono stati arrestati dopo essere stati in possesso di grosse quantità di cibo nelle loro abitazioni. Secondo le ultime stime delle Nazioni Unite, il ciclone Idai, che si è abbattuto su Mozambico, Zimbabwe e Malawi, ha provocato più di mille morti. In Mozambico, il più colpito dalla calamità, si registrano 602 vittime e 1.641 feriti, cui si aggiungono 4.979 casi confermati di colera e otto morti accertati in relazione all’epidemia. In Zimbabwe il bilancio stimato delle vittime è di 344 morti e 20 feriti, mentre in Malawi si contano 60 morti e 672 feriti. Secondo i dati dell'Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari umanitari (Ocha), il passaggio del ciclone e le sue dirette conseguenze hanno colpito circa 1,85 milioni di persone. Numerosi appelli internazionali di aiuto e raccolta fondi sono arrivati nelle ultime settimane. Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef) ha lanciato un appello per 122 milioni di dollari per sostenere la sua risposta umanitaria nei prossimi nove mesi a favore dei bambini e delle famiglie devastate dalla tempesta e dalle sue conseguenze nei tre paesi colpiti, dove tre milioni di persone, più della metà delle quali sono bambini, hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria. (segue) (Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..