UE-AZERBAIGIAN

 
 
 

Ue-Azerbaigian: Consiglio cooperazione, relazioni intensificate

Bruxelles, 04 apr 2019 15:27 - (Agenzia Nova) - La 16ma riunione del Consiglio di cooperazione tra l'Unione europea e l'Azerbaigian che si è tenuta oggi a Bruxelles ha riesaminato la cooperazione tra l'Ue e Baku dall'ultimo Consiglio di cooperazione il 9 febbraio 2018 e ha preso atto dell'intensificazione delle relazioni con i negoziati in corso su un nuovo accordo e l'adozione nel settembre 2018 delle priorità del partenariato. Lo si apprende da una nota diramata dal Consiglio dell'Ue. Il Consiglio è stato presieduto da Elmar Mammadyarov, ministro degli Affari esteri dell'Azerbaigian, mentre la delegazione dell'Ue era guidata dall'Alto rappresentante dell'Unione europea per la politica estera e di sicurezza, Federica Mogherini. Il Consiglio ha fatto il punto sull'attuazione di queste priorità e più in generale dell'accordo di partenariato e di cooperazione, ha anche esaminato la partecipazione dell'Azerbaigian al partenariato orientale. Entrambe le parti hanno convenuto che era importante utilizzare lo slancio attuale e concludere rapidamente i negoziati sul nuovo accordo.

L'Ue e l'Azerbaigian hanno affrontato temi come la democrazia, lo stato di diritto, i diritti umani e le libertà fondamentali, compresa la libertà dei media, di espressione e di associazione. L'Ue ha sottolineato l'importanza di un processo decisionale inclusivo e di cooperazione con le organizzazioni della società civile che operano in un contesto inclusivo e sicuro, non discriminatorio quale elemento chiave del buon governo. Il perdono di oltre 400 prigionieri, tra cui rappresentanti di partiti politici, Ong, blogger e giornalisti, da parte del presidente dell'Azerbaigian per celebrare la festa di Novruz è stato un passo gradito. L'Ue si aspetta che l'Azerbaigian, esercitando i diritti fondamentali, riveda tutti i restanti casi di reclusione e rilasci gli interessati.

Il Consiglio di cooperazione ha inoltre discusso i recenti sviluppi positivi in relazione al conflitto del Nagorno-Karabakh e le questioni regionali, in particolare la significativa diminuzione delle violazioni del cessate il fuoco e la prima riunione dei leader dell'Armenia e dell'Azerbaigian, Nikol Pashinian e Ilham Aliyev, sotto l'egida dei copresidenti del gruppo di Minsk dell'Osce il 29 marzo 2019 a Vienna. L'Ue ha sottolineato l'importanza di una rapida attuazione dell'accordo di Vienna sulle misure nel settore umanitario, nonché dell'accordo sulle misure per preparare le popolazioni alla pace e si è dichiarato pronto a sostenere tali sforzi. L'Unione europea continua a sostenere pienamente gli sforzi e le proposte di mediazione dei copresidenti del gruppo di Minsk dell'Osce, anche attraverso il rappresentante speciale dell'Ue per il Caucaso meridionale e la crisi in Georgia, nonché attraverso misure di rafforzamento della fiducia della società civile andando oltre le divisioni del conflitto.

Il Consiglio di cooperazione ha inoltre discusso la cooperazione commerciale e settoriale. L'Ue e l'Azerbaigian hanno avuto uno scambio di opinioni sulla cooperazione nel settore dell'energia e hanno sottolineato l'importanza strategica del Corridoio meridionale del gas. È stata inoltre affrontata la cooperazione nel settore dei trasporti. Il varo del dialogo ad alto livello Ue-Azerbaigian sui trasporti costituisce uno sviluppo positivo, così come i progressi verso la rapida conclusione di un accordo sullo spazio aereo comune. Il Consiglio ha auspicato l'imminente celebrazione del decimo anniversario del partenariato orientale a cui l'Azerbaigian ha fornito un prezioso contributo, in particolare nei settori della riforma della pubblica amministrazione, delle interconnessioni energetiche e dei trasporti e dell'armonizzazione dei mercati digitali. (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE