BRUNEI
Mostra l'articolo per intero...
 
Brunei: le condanne internazionali non frenano l’adozione del Codice penale islamico (3)
Bandar Seri Begawan, 03 apr 12:58 - (Agenzia Nova) - L’adozione degli articoli più controversi, riguardanti i reati punibili con amputazioni degli arti o con la morte, era stata rinviata in risposta alle pressioni provenienti dalla comunità internazionale. Il 29 dicembre scorso, però, il sito web del procuratore generale di Brunei ha anticipato in sordina l’entrata in vigore della Sharia nella sua totalità, e tale annuncio è stato confermato ufficialmente lo scorso fine settimana. Alcune delle sanzioni più brutali previste dal nuovo Codice penale si applicano anche ai minori e agli stranieri non musulmani. L’omosessualità era già illegale nel Brunei prima dell’entrata in vigore del nuovo Codice, ma era sanzionata con pene detentive. La pena prescritta da oggi, invece, è la morte per lapidazione, che si applica anche a una serie di altri reati, quali lo stupro, l’adulterio, la sodomia, le relazioni sessuali extra-coniugali e gli insulti al profeta Maometto. (segue) (Fim)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..