COMORE
Mostra l'articolo per intero...
 
Comore: proteste dell’opposizione, polizia disperde manifestanti con gas lacrimogeni
Moroni, 25 mar 17:03 - (Agenzia Nova) - La polizia delle isole Comore ha fatto ricorso a gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti dell'opposizione scesi in strada oggi per protestare contro le presunte irregolarità nelle elezioni presidenziali di ieri. Lo riferiscono i media locali. I candidati dell'opposizione hanno denunciato irregolarità nelle operazioni di voto che si sono svolte ieri, fra cui l'esclusione di osservatori internazionali e la precompilazione delle schede elettorali. "Noi candidati dichiariamo illegittimo l'attuale governo e chiediamo al popolo di resistere e mobilitarsi contro di esso", ha detto ai media locali Soihili Mohamed, leader dell'Unione delle opposizioni ed ex vicepresidente del paese. I candidati hanno contestato l'apertura di alcuni seggi prima dell'orario ufficiale, sostenendo che alcune urne fossero già state riempite con finti voti. Diversi osservatori elettorali non avrebbero inoltre ricevuto in tempo i documenti necessari ad accreditarsi per il voto, ed alcuni loro rappresentanti arrestati. Le autorità avrebbero inoltre impedito loro l'accesso ai locali della Commissione elettorale nazionale. Le accuse sono state fermamente respinte dal ministro dell'Interno, Mohamed Daodou, per il quale le operazioni di voto si sono svolte "in un'atmosfera calma e pacifica". Circa 300 mila elettori sono stati chiamati al voto domenica, con un'affluenza che secondo le autorità ha raggiunto il 40 per cento circa. I risultati sono attesi entro oggi. (segue) (Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..