IRAQ

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Iraq: governo Baghdad assume controllo reti telefoniche Kurdistan (2)

Baghdad, 09 ott 2017 12:24 - (Agenzia Nova) - L'esecutivo di Baghdad ha annunciato di voler risolvere la disputa con la regione autonoma del Kurdistan in maniera pacifica, ma continua a ritenere il referendum sull'indipendenza "una palese violazione" della Costituzione. E' quanto si legge in una dichiarazione stampa diffusa dall'ambasciata irachena a Roma. "I cittadini curdi - continua la dichiarazione - hanno votato in maniera del tutto spontanea. Tale referendum annienta gli sforzi internazionali per la lotta al terrorismo, e in particolar modo la battaglia contro Daesh (acronimo per Stato islamico dell'Iraq e del Levante) e pertanto viene considerato un pericolo per la sicurezza regionale". Nella dichiarazione si ribadisce che "i campi petroliferi del nord dell’Iraq fanno parte del patrimonio del paese e che la provincia di Kirkuk (dove si è votato per il referendum) è parte integrante del territorio iracheno e la regione del Kurdistan non ha alcun diritto ad annetterla con la forza ed imporre la politica del fatto compiuto". (segue) (Irb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE