Esteri
 
I fatti del giorno - Africa sub-sahariana
 
 
Roma, 19 mar 12:00 - (Agenzia Nova) - Congo-Kinshasa: Tshisekedi rimanda elezione governatori e sospende insediamento nuovi senatori - L'elezione dei governatori e vicegovernatori della Repubblica democratica del Congo (Rdc), prevista il prossimo 27 marzo, è rimandata a data da destinarsi, e l'insediamento dei neo senatori eletti con il voto dello scorso 15 marzo sospeso. Lo ha annunciato il presidente dell'Rdc, Felix Antoine Tshisekedi Tshilombo, in seguito alle numerose denunce di corruzione pervenute alle autorità sul voto dei rappresentanti regionali e provinciali. Come riferiscono i media locali, al termine di una riunione tenuta ieri pomeriggio, il capo dello Stato ha annunciato tre misure, e precisamente di sospendere i senatori eletti, di rimandare a data da destinarsi le elezioni dei governatori, e ha chiesto al procuratore generale della Corte di cassazione di aprire delle indagini sui fatti di corruzione denunciati. Hanno partecipato all'incontro le autorità della Commissione elettorale indipendente (Ceni), del Consiglio economico, della Corte di cassazione, oltre che numerose altre autorità governative ed istituzionali.

Nigeria: presidenziali, opposizione presenta ricorso ufficiale contro rielezione Buhari - Il principale candidato dell'opposizione alle elezioni presidenziali della Nigeria, Atiku Abubakar, ha presentato ricorso legale in tribunale contro l'esito del voto tenuto lo scorso 23 febbraio. La petizione, riferisce la stampa locale, è sostenuta da tutto il suo partito, il Partito popolare democratico (Pdp), e chiede alla Commissione elettorale di "ribaltare il risultato" del voto sulla base di irregolarità. "Abbiamo chiesto che il nostro candidato, che ha vinto le elezioni in modo evidente in tutto il paese, sia dichiarato vincitore", ha dichiarato il consulente legale di Atiku, Emmanuel Enoidem. La richiesta giunge dopo che nelle scorse settimane il tribunale nigeriano per le petizioni elettorali aveva concesso allo stesso Abubakar di avere accesso ai materiali utilizzati per lo scrutinio del voto, vinto dal presidente uscente Muhammadu Buhari. In seguito alla decisione, anche quest'ultimo è stato autorizzato a consultare i documenti elettorali per poter raccogliere prove in difesa del ricorso presentato dall'opposizione.

Qatar-Etiopia: premier Ahmed in visita a Doha, previsto incontro con emiro Tamim - Il primo ministro etiope Abiy Ahmed è arrivato a Doha stamattina per una visita ufficiale in Qatar. Al suo arrivo, come riferisce l’emittente etiope “Fana”, è stato ricevuto dal ministro delle Comunicazioni qatariota Jassim bin Saif Al Sulaiti. Durante il suo soggiorno nel paese del Golfo, Ahmed avrà un colloquio bilaterale con l'emiro Tamim bin Hamad al Thani del Qatar per discutere delle relazioni bilaterali e delle prospettive di sviluppo dei due paesi, oltre a una serie di questioni di interesse comune. La visita in Qatar del premier Ahmed è la prima da quando è entrato in carica, nell’aprile 2018, e segue quella effettuata dalla visita dell'emiro Tamim in Etiopia nell'aprile 2017. Negli ultimi anni si è assistito a un notevole sviluppo delle relazioni bilaterali tra i due paesi, iniziato decenni fa, con l'annuncio ufficiale dell'istituzione di relazioni diplomatiche tra Addis Abeba e Doha nel 1995. Da allora le relazioni si sono intensificate, culminando con l’istituzione, nel gennaio scorso, del Forum per gli investimenti etiopi.

Mali: esercito, 23 militari uccisi in attacco a base di Dioura - È di 23 militari uccisi il bilancio ufficiale dell’attacco avvenuto domenica scorsa contro la base militare di Dioura, nella regione di Mopti, nel Mali centrale. Lo ha reso noto l’esercito di Bamako in un comunicato. Nel frattempo il ministro della Difesa, Tiemoko Sangare, si è recato sul posto per fare visita alle truppe maliane in visita a Dioura. “Non siete soli. Tutti i maliani che amano la pace vi sostengono. Non ascoltate le sirene il cui unico scopo è quello di destabilizzare il paese”, ha detto il ministro. L’assalto non è stato ancora rivendicato, tuttavia è possibile che sia opera del gruppo jihadista Jama'at Nasr al Islam Wal Muslim (Jnim), attivo in tutta la regione del Sahel e affiliato ad al Qaeda. Il gruppo - frutto della fusione di Ansar Eddine, Fronte di liberazione di Macina, Al Mourabitoun e Al Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) - è lo stesso che ha condotto l'attacco avvenuto lo scorso 24 febbraio scorso contro la base della Missione dell'Unione europea in Mali (Eutm Mali) di Camp Gecko, nel quale sono rimasti uccisi due militari maliani.

Guinea-Bissau: partito al governo Paigc crea coalizione per ottenere maggioranza in parlamento - Il Partito africano per l'indipendenza della Guinea e di Capo Verde (Paigc), al governo in Guinea-Bissau, ha stretto una coalizione con l'Alleanza del popolo unito (Apu), l'Unione per il cambiamento (Um) e il Partito della nuova democrazia (Pnd) per ottenere la maggioranza in parlamento, dopo aver vinto le elezioni legislative dello scorso 10 marzo senza ottenere la maggioranza assoluta. È quanto riferisce la stampa locale. L'accordo stretto dal Paigc con le altre tre formazioni politiche garantirà al partito al potere di garantirsi la maggioranza assoluta dei seggi durante i quattro anni di legislatura, proponendosi come garanzia di "un governo inclusivo". "Ciò che conta ora è lavorare per far uscire il nostro paese dalla crisi che attraversa da diversi anni", ha detto il leader della coalizione che riunisce Apu e Pdgb (il Partito democratico della Guinea-Bissau), Mama Saliù Lamba. La scorsa settimana le Nazioni Unite avevano fatto appello ai "nuovi rappresentanti eletti" a "mettere l'interesse del paese davanti a qualsiasi altra considerazione personale". Alle elezioni del 10 marzo il partito Paigc ha conquistato 47 seggi su 102, vincendo le elezioni senza tuttavia ottenere la maggioranza assoluta necessaria a governare.

Congo-Kinshasa: Tshisekedi rimanda elezione governatori e sospende insediamento nuovi senatori - L'elezione dei governatori e vicegovernatori della Repubblica democratica del Congo (Rdc), prevista il prossimo 27 marzo, è rimandata a data da destinarsi, e l'insediamento dei neo senatori eletti con il voto dello scorso 15 marzo sospeso. Lo ha annunciato il presidente dell'Rdc, Felix Antoine Tshisekedi Tshilombo, in seguito alle numerose denunce di corruzione pervenute alle autorità sul voto dei rappresentanti regionali e provinciali. Come riferiscono i media locali, al termine di una riunione tenuta ieri pomeriggio, il capo dello Stato ha annunciato tre misure, e precisamente di sospendere i senatori eletti, di rimandare a data da destinarsi le elezioni dei governatori, e ha chiesto al procuratore generale della Corte di cassazione di aprire delle indagini sui fatti di corruzione denunciati. Hanno partecipato all'incontro le autorità della Commissione elettorale indipendente (Ceni), del Consiglio economico, della Corte di cassazione, oltre che numerose altre autorità governative ed istituzionali.

Nigeria: presidenziali, opposizione presenta ricorso ufficiale contro rielezione Buhari - Il principale candidato dell'opposizione alle elezioni presidenziali della Nigeria, Atiku Abubakar, ha presentato ricorso legale in tribunale contro l'esito del voto tenuto lo scorso 23 febbraio. La petizione, riferisce la stampa locale, è sostenuta da tutto il suo partito, il Partito popolare democratico (Pdp), e chiede alla Commissione elettorale di "ribaltare il risultato" del voto sulla base di irregolarità. "Abbiamo chiesto che il nostro candidato, che ha vinto le elezioni in modo evidente in tutto il paese, sia dichiarato vincitore", ha dichiarato il consulente legale di Atiku, Emmanuel Enoidem. La richiesta giunge dopo che nelle scorse settimane il tribunale nigeriano per le petizioni elettorali aveva concesso allo stesso Abubakar di avere accesso ai materiali utilizzati per lo scrutinio del voto, vinto dal presidente uscente Muhammadu Buhari. In seguito alla decisione, anche quest'ultimo è stato autorizzato a consultare i documenti elettorali per poter raccogliere prove in difesa del ricorso presentato dall'opposizione.

Qatar-Etiopia: premier Ahmed in visita a Doha, previsto incontro con emiro Tamim - Il primo ministro etiope Abiy Ahmed è arrivato a Doha stamattina per una visita ufficiale in Qatar. Al suo arrivo, come riferisce l’emittente etiope “Fana”, è stato ricevuto dal ministro delle Comunicazioni qatariota Jassim bin Saif Al Sulaiti. Durante il suo soggiorno nel paese del Golfo, Ahmed avrà un colloquio bilaterale con l'emiro Tamim bin Hamad al Thani del Qatar per discutere delle relazioni bilaterali e delle prospettive di sviluppo dei due paesi, oltre a una serie di questioni di interesse comune. La visita in Qatar del premier Ahmed è la prima da quando è entrato in carica, nell’aprile 2018, e segue quella effettuata dalla visita dell'emiro Tamim in Etiopia nell'aprile 2017. Negli ultimi anni si è assistito a un notevole sviluppo delle relazioni bilaterali tra i due paesi, iniziato decenni fa, con l'annuncio ufficiale dell'istituzione di relazioni diplomatiche tra Addis Abeba e Doha nel 1995. Da allora le relazioni si sono intensificate, culminando con l’istituzione, nel gennaio scorso, del Forum per gli investimenti etiopi.

Mali: esercito, 23 militari uccisi in attacco a base di Dioura - È di 23 militari uccisi il bilancio ufficiale dell’attacco avvenuto domenica scorsa contro la base militare di Dioura, nella regione di Mopti, nel Mali centrale. Lo ha reso noto l’esercito di Bamako in un comunicato. Nel frattempo il ministro della Difesa, Tiemoko Sangare, si è recato sul posto per fare visita alle truppe maliane in visita a Dioura. “Non siete soli. Tutti i maliani che amano la pace vi sostengono. Non ascoltate le sirene il cui unico scopo è quello di destabilizzare il paese”, ha detto il ministro. L’assalto non è stato ancora rivendicato, tuttavia è possibile che sia opera del gruppo jihadista Jama'at Nasr al Islam Wal Muslim (Jnim), attivo in tutta la regione del Sahel e affiliato ad al Qaeda. Il gruppo - frutto della fusione di Ansar Eddine, Fronte di liberazione di Macina, Al Mourabitoun e Al Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) - è lo stesso che ha condotto l'attacco avvenuto lo scorso 24 febbraio scorso contro la base della Missione dell'Unione europea in Mali (Eutm Mali) di Camp Gecko, nel quale sono rimasti uccisi due militari maliani.

Guinea-Bissau: partito al governo Paigc crea coalizione per ottenere maggioranza in parlamento - Il Partito africano per l'indipendenza della Guinea e di Capo Verde (Paigc), al governo in Guinea-Bissau, ha stretto una coalizione con l'Alleanza del popolo unito (Apu), l'Unione per il cambiamento (Um) e il Partito della nuova democrazia (Pnd) per ottenere la maggioranza in parlamento, dopo aver vinto le elezioni legislative dello scorso 10 marzo senza ottenere la maggioranza assoluta. È quanto riferisce la stampa locale. L'accordo stretto dal Paigc con le altre tre formazioni politiche garantirà al partito al potere di garantirsi la maggioranza assoluta dei seggi durante i quattro anni di legislatura, proponendosi come garanzia di "un governo inclusivo". "Ciò che conta ora è lavorare per far uscire il nostro paese dalla crisi che attraversa da diversi anni", ha detto il leader della coalizione che riunisce Apu e Pdgb (il Partito democratico della Guinea-Bissau), Mama Saliù Lamba. La scorsa settimana le Nazioni Unite avevano fatto appello ai "nuovi rappresentanti eletti" a "mettere l'interesse del paese davanti a qualsiasi altra considerazione personale". Alle elezioni del 10 marzo il partito Paigc ha conquistato 47 seggi su 102, vincendo le elezioni senza tuttavia ottenere la maggioranza assoluta necessaria a governare.

Emirati-Liberia: prosegue visita di Weah ad Abui Dhabi, focus su relazioni bilaterali e investimenti - Il presidente liberiano George Weah si trova in visita ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, per rafforzare le relazioni bilaterali e promuovere gli investimenti nel paese africano. In agenda, come riferiscono i media di Monrovia, ci sono gli incontri con il principe ereditario Shiekh Mohamed Bin Zayed al Nahyan e con gli imprenditori locali. Arrivato domenica ad Abu Dhabi, Weah assisterà giovedì prossimo alla cerimonia di chiusura delle Paraolimpiadi, cui partecipano oltre 70 atleti con disabilità. In preparazione della visita, venerdì scorso il ministro degli Esteri liberiano Gbehzongar Findley ha tenuto colloqui a Monrovia con l'omologo emiratino Anwar Mohammed Gargash, come riferito dall'agenzia di stampa liberiana "Lina", precisando che con Findley hanno ricevuto la delegazione emiratina anche il ministro dell'Informazione, Eugene Lenn Nagbe, ed il ministro di Stato senza portafoglio Trokon Kpui. L'incontro si è focalizzato sullo stato dell'economia liberiana e le possibilità di investimento esistenti. Per Gargash, se il potenziale di crescita economica del continente africano è "impressionante", i "vincoli" commerciali esistenti hanno finora limitato le attività di importanti investitori privati. Gargash ha parlato in particolare di "strozzature burocratiche", oltre che di mancanza di trasparenza e sicurezza per gli investimenti. Su questo aspetto il ministro emiratino ha aggiunto che gli Emirati considerano con interesse soprattutto gli investimenti privati in Africa.

Burkina Faso: ministero Sicurezza, ricercati 247 sospetti terroristi - Le autorità del Burkina Faso sono alla ricerca di 247 sospetti terroristi accusati di pianificare attacchi e rapimenti nel paese. È quanto reso noto dal ministero della Sicurezza di Ouagadougou in un comunicato ripreso dall’agenzia di stampa “Apa”. Nella lista dei ricercati, si legge nella nota, figurano anche leader di cellule terroristiche, oltre che semplici combattenti e reclutatori. La dichiarazione giunge dopo che nelle scorse settimane l’esercito del Burkina Faso ha lanciato un’operazione anti-terrorismo denominata “Otapuanu” nelle regioni orientali e centro-orientali del paese, al fine di neutralizzare i gruppi jihadisti attivi nell’area. La scorsa settimana le autorità militari del Burkina Faso hanno avviato un'indagine dopo che un gruppo per i diritti umani ha accusato l'esercito di aver eseguito esecuzioni extragiudiziali durante l’operazione anti-terrorismo. In una dichiarazione rilanciata dalla stampa locale, il governo di Ouagadougou ha detto di aver "preso atto delle accuse" e ha assicurato che "sono in corso le indagini sui fatti", precisando che l'esercito è impegnato sul posto "a tutela dei diritti umani". In attesa di ricevere i risultati delle indagini avviate dalla giustizia militare, tuttavia, la presidenza mantiene "la versione dei fatti comunicata dall'esercito".

Etiopia: attacco a miniera nella regione occidentale di Oromia, cinque morti - Cinque lavoratori di una miniera sono stati uccisi da uomini armati non identificati nella regione etiope occidentale di Oromia. Lo riferisce l'emittente locale "Fana", precisando che le vittime sarebbero tre etiopi e due cittadini stranieri. Gli assalitori, che non sono stati per il momento identificati dalle forze dell'ordine, hanno attaccato una miniera situata nei pressi della città di Nedjo, a circa 500 chilometri dalla capitale Addis Abeba. L'enorme regione ospita il più grande gruppo etnico dell'Etiopia, gli oromo, ed è teatro di almeno quattro conflitti distinti, oltre che di una disputa territoriale che causa regolari scontri. Il primo ministro Abiy Ahmed, lui stesso un oromo, ha promosso dalla sua elezione ad aprile 2018 una serie di importanti cambiamenti politici ed economici. Gli oromo denunciano da anni politiche discriminatorie da parte delle autorità etiopi, con l'esplosione di proteste di massa fra il 2014 e il 2016 contro un piano governativo che avrebbe esteso i confini amministrativi della capitale Addis Abeba: le violenze, che hanno provocato la morte di almeno 700 persone, hanno portato il governo centrale a imporre uno stato di emergenza abrogato solo di recente con la firma di un accordo di riconciliazione tra i militanti del Fronte di liberazione oromo (Olf) ed il governo.

Cooperazione: ciclone Idai in Mozambico, Italia dispone volo umanitario - Il viceministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, Emanuela Del Re, ha disposto un volo umanitario della Cooperazione italiana in risposta all’emergenza causata dal ciclone Idai in Mozambico. Il volo, come riferito dalla Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo (Dgcs) della Farnesina su Facebook, è partito dalla Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (Unhrd) di Brindisi con un carico di attrezzatura di primo soccorso e assistenza per la popolazione colpita. Secondo le stime ancora provvisorie diffuse dal governo di Maputo, almeno 84 persone sono morte nelle inondazioni causate dal passaggio del ciclone, anche se ieri il presidente Filipe Nyusi ha fatto sapere che le vittime potrebbero essere più di mille. Il bilancio complessivo, ancora provvisorio, delle vittime del ciclone è salito nel frattempo a 182 morti, di cui 98 registrati in Zimbabwe, dove risultano disperse più di 200 persone.

Qatar-Sudan: premier sudanese Aila a Doha per partecipare a comitato congiunto - Il primo ministro del Sudan, Mohamed Taher Aila, inizia oggi una visita in Qatar per partecipare alla riunione del Comitato congiunto Sudan-Qatar (Jsqhc), in programma domani a Doha. L'incontro di quattro giorni sarà presieduto dallo stesso Aila e dal primo ministro qatariota Abdullah bin Nasser bin Khalifa al Thani. Nel corso dell’incontro, come riferito al quotidiano “Sudan Tribune” dall'ambasciatore sudanese a Doha, Fath al Rahman Ali, le due parti discuteranno delle principali questioni di reciproco interesse e firmeranno una serie di accordi nei settori politico, economico e culturale. Il Qatar è uno dei paesi che negli ultimi anni hanno conservato delle buone relazioni con il governo di Khartum, avendo ospitato i colloqui di pace tra il governo sudanese e i gruppi ribelli del Darfur che hanno portato alla firma dell’accordo di pace nel 2011. Le relazioni sono state mantenute anche dopo che nel giugno 2017 l'Arabia Saudita, il Bahrein, gli Emirati Arabi Uniti e l'Egitto hanno rotto i legami con il Qatar accusandolo di sostenere gruppi terroristici islamici e l’Iran, accuse sempre negate da Doha. (Res)
TUTTE LE NOTIZIE SU..