SPECIALE INFRASTRUTTURE
 
Speciale infrastrutture: Grecia-Cina, governo Atene affida a cinese Cosco conversione edifici porto del Pireo
Pechino, 15 apr 17:30 - (Agenzia Nova) - Il governo greco ha dato il via libera alla compagnia di Stato cinese che fornisce servizi di spedizioni e di logistica Cosco, per convertire tre edifici nel porto del Pireo in hotel di lusso. Lo riferisce il portale di informazione "The Greek Reporter" che spiega che il Consiglio centrale per i monumenti moderni del ministero della Cultura greco ha approvato all'unanimità il piano generale dell'Autorità portuale del Pireo per la conversione degli edifici. Il Consiglio ha approvato piani per convertire l'edificio del terminal Pagoda degli anni Sessanta in un hotel e un centro congressi da 300 camere, a condizione che il suo carattere e l'aspetto esteriore del frontone non vengano modificati. Il Consiglio dei monumenti ha osservato che l'edificio era nella sua lista di 113 esempi di importanti architetture del XX secolo. Tuttavia, secondo quanto riferito, l'approvazione del progetto da parte del ministero non significa necessariamente che l'investimento multimilionario di Cosco al Pireo sia ancora del tutto realizzabile. La settimana scorsa, il Consiglio archeologico centrale greci ha stabilito che alcuni progetti proposti nel porto del Pireo interesserebbero i siti archeologici. In una decisione unanime, è stato respinto il piano di Cosco per creare un centro commerciale e un bacino di riparazione navale galleggiante a causa di problemi legati all'antichità del sito nell'area portuale. Inoltre il Kas ha chiesto restrizioni per la costruzione di un albergo a cinque stelle che dovrebbe essere edificato nell’area del Pireo di Porto Leone, vicino al terminal delle navi da crociera. Su questa decisione è poi intervenuto, il ministro dell’Energia e dell’Ambiente greco, Giorgos Stathakis, chiarendo che avrebbe cancellato il piano di investimenti di Cosco. “La decisione del Kas non annulla gli investimenti (...) crea solo un quadro in cui l'investitore dovrà operare", ha detto il ministro alla stazione radio di Focus. "Vivo a Chania, dove l'intera città è di interesse archeologico e vi assicuro che la descrizioen non ostacola (alcun investimento)". (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..