SUDAN
Mostra l'articolo per intero...
 
Sudan: presidente Bashir sotto assedio, proclamato lo stato d’emergenza
Khartum, 28 feb 17:15 - (Agenzia Nova) - Dopo oltre due mesi di manifestazioni anti-governative che stanno scuotendo tutto il Sudan, il presidente Omar al Bashir è corso ai ripari nel tentativo di impedire che le proteste sfocino nello scenario da lui più temuto, vale a dire le dimissioni da capo dello Stato, carica che detiene ininterrottamente dal 1989. Per scongiurare questa ipotesi, dopo essersi dimesso venerdì scorso da presidente del Partito del Congresso nazionale (Ncp), Bashir ha dichiarato lo stato d’emergenza per un anno, ha sciolto il governo mantenendo sotto la sua direzione i ministeri della Difesa, degli Esteri e della Giustizia, ha nominato come nuovo primo ministro l’ex governatore dello stato di Gezira, Mohamed Tahir Eila, e ha invitato il parlamento a rinviare gli emendamenti costituzionali che gli consentirebbero di ottenere un altro mandato alle elezioni presidenziali del 2020. Il capo dello Stato ha inoltre vietato le manifestazioni pubbliche non autorizzate e conferito nuovi poteri alle forze dell'ordine, che sono ora autorizzate ad effettuare perquisizioni senza mandato in edifici e sui trasporti pubblici, ad arrestare chi è sospettato di aver infranto le condizioni dettate dallo stato di emergenza e a sequestrare beni e proprietà durante le indagini. Ai pubblici ministeri è inoltre conferito il potere di togliere l'immunità a legislatori e funzionari militari e di istituire tribunali speciali. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..