KENYA
Mostra l'articolo per intero...
 
Kenya: attentato di Nairobi, polizia stringe il cerchio intorno a rete attentatore
Nairobi, 31 gen 14:44 - (Agenzia Nova) - L'attentatore suicida che il 15 gennaio scorso si è fatto esplodere all'esterno dell'hotel Dusit di Nairobi uccidendo 21 persone era già noto alla polizia keniota. Lo riferisce la stampa del Kenya, aggiungendo che dei manifesti sono stati affissi nella capitale con la sua immagine e la scritta "ricercato: morto o vivo". Mahir Khalid Riziki, questo il nome del terrorista identificato dalla polizia, è morto a 25 anni: cinque anni fa aveva integrato una cellula di islamisti radicali già ritenuta responsabile di un attacco ad una postazione di polizia di Mombasa. Gli inquirenti hanno spiegato che i membri di questa cellula frequentavano la moschea Musa a Mombasa, considerata dalle autorità un focolaio estremista e all'interno della quale i jihadisti di al Shabaab avrebbero reclutato i combattenti per l'attacco di Nairobi. Nel 2014, in seguito ad un'operazione di polizia sulla moschea Musa, Riziki era fuggito ed era latitante. Durante questo periodo le indagini hanno permesso di verificare la sua presenza in Tanzania e Somalia, ha detto un agente dell'anti-terrorismo ai media, affermando che il giovane non aveva più dato segni di attività fino all'attacco all'hotel Dusit. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..