STATI UNITI
 
Stati Uniti: amministrazione Trump spinge l'Iraq a non acquistare energia dall'Iran
Washington, 12 feb 00:18 - (Agenzia Nova) - L'amministrazione Trump sta facendo pressioni sull'Iraq affinché smetta di comprare energia dal suo vicino, e unico fornitore straniero, l'Iran. Secondo quanto riferisce il quotidiano statunitense “New York Times”, i leader iracheni, temendo che un'ulteriore mancanza di energia provocherebbe proteste di massa, stanno cercando di contenere la richiesta statunitense, motivata dalle sanzioni del presidente Trump contro Teheran. Il confronto ha logorato in parte i rapporti tra le due diplomazie, mentre Baghdad tenta di stabilizzarsi dopo il ritiro militare degli Stati Uniti nel 2011 e la lotta contro lo Stato islamico (Is). La sfida dell'Iraq mette ulteriormente a repentaglio l'obiettivo di Trump di portare tutte le nazioni a rispettare le sanzioni Usa dopo il ritiro di Washington dall'accordo per limitare il programma nucleare di Teheran.

Gli stati europei hanno creato un meccanismo finanziario legale per fare affari con l'Iran, mentre Cina e India continuano a fare resistenza alle richieste statunitensi di tagliare gli acquisti di petrolio. "Il popolo iracheno ha sofferto dell'embargo ed è consapevole del danno arrecato alla popolazione", ha detto il primo ministro iracheno Adel Abdul Mahdi, la settimana scorsa, dopo un incontro con il governatore della banca centrale iraniana, Abdolnaser Hemmati, riferendosi ai 13 anni di sanzioni imposte all'Iraq dagli Stati Uniti quando Saddam Hussein era al potere. "L'Iraq non farà parte del regime di sanzioni contro l'Iran e nessun altro popolo", ha affermato Abdul Mahdi. I funzionari statunitensi stanno cercando di tagliare gli acquisti iracheni di gas naturale ed elettricità, anche se il paese si affida a quelli per una buona parte del suo fabbisogno energetico. Le capacità di produzione di energia e di elettricità irachena sono rimaste basse e i blackout nelle città sono comuni. Il deficit energetico è particolarmente acuto durante il periodo più caldo, provocando grandi proteste che si sono trasformate in crisi nazionali. (Was)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..