DIFESA
 
Difesa: segretario Usa ad interim Shanahan, nessun ordine da Trump per ritirare truppe da Afghanistan
Washington, 11 feb 21:17 - (Agenzia Nova) - Patrick Shanahan, segretario alla Difesa ad interim degli Stati Uniti, ha dichiarato di non aver ricevuto ordini dal presidente Donald Trump di ritirare le truppe statunitensi dall'Afghanistan. "Non ho avuto l'ordine di ritirare le nostre forze in Afghanistan", ha detto Shanahan ai giornalisti prima della visita a sorpresa di lunedì a Kabul. "La direzione (...), in stretto coordinamento con il segretario (dello Stato Mike) Pompeo e il (consigliere per la sicurezza nazionale John) Bolton sosterrà l'ambasciatore (Zalmay) Khalilzad in questi negoziati di pace”, ha detto Shanahan. Il capo provvisorio della Difesa Usa ha detto lunedì che le dimensioni della presenza delle truppe statunitensi in Afghanistan saranno determinate in modo "coordinato e disciplinato". Shanahan ha incontrato a Kabul il presidente afgano Ashraf Ghani, il capo del governo dell’Afghanistan, Abdullah Abdullah e il ministro della difesa Asadullah Khalid. Ha anche visitato una base fuori da Kabul, dove le forze speciali statunitensi addestrano l'esercito afgano e hanno parlato con il generale dell'esercito statunitense Austin Miller, comandante della missione a guida Nato Resolute support in Afghanistan.

Venerdì scorso, intanto, il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l'Afghanistan, Zalmay Khalilzad, ha dichiarato che l'accordo di pace con i talebani potrebbe essere raggiunto prima delle elezioni afgane a luglio. L'inviato speciale ha dichiarato che sebbene i suoi colloqui con i talebani abbiano prodotto un tentativo di accordo "quadro", i negoziati hanno ancora molta strada da fare per raggiungere un accordo di pace. Gli Stati Uniti ritengono che un accordo con i talebani potrebbe essere raggiunto prima delle elezioni presidenziali afgane, che si terranno il 20 luglio, ha detto Khalilzad durante un intervento all'Istituto americano per la pace. "Tra qui e luglio c'è abbastanza tempo in cui credo potremmo raggiungere un accordo", ha detto Khalilzad, sottolineando comunque che molti problemi devono ancora essere risolti. L'inviato Usa ha detto che la priorità dei talebani è il ritiro delle truppe statunitensi, mentre il principale obiettivo degli Stati Uniti è garantire che l'Afghanistan non diventi mai un rifugio per l'estremismo. (Was)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..