AZERBAIGIAN
Mostra l'articolo per intero...
 
Azerbaigian: la linea di contatto nel Nagorno-Karabakh e il lavoro per la sicurezza dei profughi
 
 
Baku, 27 gen 10:45 - (Agenzia Nova) - Durante gli oltre 25 anni di conflitto protratto del Nagorno-Karabakh tra Armenia ed Azerbaigian, parallelamente agli sforzi diplomatici per risolvere la contesa con Erevan, le istituzioni di Baku sono impegnate ad assicurare una sistemazione adeguata ai tanti "profughi interni" costretti ad abbandonare le loro abitazioni a causa della guerra. "Agenzia Nova" ha potuto visitare la linea di contatto sul fronte incontrando le istituzioni locali di Khojavand (distretto del Nagorno Karabakh di 1.458 chilometri quadrati, di cui solo per 14mila ettari sotto controllo azerbaigiano) e Jabrayil, territorio di cui solo una piccola porzione è sotto controllo azerbaigiano in quanto uno dei sette "distretti adiacenti" al Nagorno-Karabakh in ampia parte sotto occupazione militare dell'Armenia (dove è stata creata una sorta di zona cuscinetto): Fizuli, Zangilan, Qubadli, Lachin, Kalbajar, Agdam (oltre appunto a Jabrayil). Il conflitto del Nagorno-Karabakh spesso definito "congelato" ha visto nell'aprile del 2016 il rischio di una nuova escalation delle tensioni, in quella conosciuta come "la guerra dei quattro giorni". (segue) (Pav)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..