MAURITANIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Mauritania: esercito ribadisce condizioni di estrazione dell'oro al confine con l'Algeria
Nouakchott, 31 dic 2018 10:13 - (Agenzia Nova) - L'esercito mauritano ha dettato nuove condizioni per svolgere attività di estrazione dell'oro al confine con l'Algeria, in una zona militare vietata ai civili senza autorizzazione. A seguito di un accordo quadripartito tra il ministero del Petrolio, dell'energia e le miniere, i minatori, le autorità locali e le forze di sicurezza, lo Stato maggiore delle forze armate mauritane ha ribadito le condizioni di esercizio dell'attività di pulizia dell'oro "in una zona militare sensibile", la cui inosservanza "espone gli autori a un pericolo reale, oltre alle sanzioni previste dalla legge”. L'area si trova nell'estremo nord-est della Mauritania, nella regione di Zouerate, vicino al confine con l’Algeria. Il documento dell'esercito, diffuso dai media locali, ricorda che per un regolare esercizio dell'attività mineraria aurifera è necessario rispettare il perimetro definito dalle autorità, precisamente l'area chiamata Gleib N'Dour. Inoltre, i minatori autorizzati sono tenuti a presentare una patente di guida per l'uso di un veicolo fuoristrada di medie dimensioni. I minatori sono tenuti a consegnare tutti i veicoli a Zouerate e lasciare un totale di massimo 12 auto, tra cui due ambulanze, per i servizi necessari nell'area delle operazioni. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI