ENERGIA
 
Energia: ministro emiratino, Opec non è un nemico degli Stati Uniti
Abu Dhabi, 12 gen 16:48 - (Agenzia Nova) - L'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) non un “nemico degli Stati Uniti”. Lo ha dichiarato oggi il ministro dell’Energia non è il nemico degli Stati Uniti, ha riferito il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi, Suhail al Mazrouei, intervenendo oggi all’Atlantic Council Global Energy Forum ad Abu Dhabi. "Ci stiamo completando a vicenda, non siamo nemici", ha detto Al Mazrouei parlando del rapporto tra Opec e i principali paesi consumatori di petrolio come gli Stati Uniti. Lo scorso 7 dicembre l’Organizzazione e alcuni dei più importanti produttori al di fuori del Cartello, tra cui la Russia, hanno concordato di ridurre la produzione di petrolio combinata di 1,2 milioni di barili al giorno a partire da gennaio per tentare di sostenere un nuovo calo dei prezzi del greggio. La decisione è stata presa nonostante le forti pressioni del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per evitare un aumento dei prezzi del greggio. Al Mazrouei ha dichiarato che il prezzo medio del petrolio nel 2018 è stato pari a 70 dollari al barile. Per il ministro emiratino, il taglio di 1,2 milioni di barili al giorno dovrebbe essere sufficiente a bilanciare il mercato. Allo stesso evento il ministro del Petrolio dell’Oman, Mohammed al Rumhi, ha dichiarato di attendersi un prezzo del petrolio compreso tra i 60 e gli 80 dollari al barile nel 2019. Secondo il ministro omanita, il cui paese fa parte del comitato che presiede al controllo dell’accordo petrolifero stipulato a Vienna, ha dichiarato che al momento non dovrebbe essere necessari una nuova riunione dei paesi parte dell’accordo considerato che l’applicazione dei tagli “sta andando bene”.
(Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..