SIRIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Siria: ministero Esteri russo, polizia militare continua a pattugliare Manbij (2)
Mosca, 11 gen 14:21 - (Agenzia Nova) - Alla fine dello scorso dicembre le forze governative siriane hanno preso il controllo di Manbij, obiettivo di un’annunciata operazione militare della Turchia contro le milizie curde delle Unità di protezione del popolo (Ypg). Da tempo la Turchia minacciava un intervento militare nella regione, sul cui controllo aveva stretto lo scorso giugno un accordo con gli Stati Uniti volto all’allontanamento dall’area delle milizie curdo-siriane, che Ankara considera un’organizzazione terroristica affiliata al Partito curdo dei lavoratori (Pkk). La situazione è cambiata dopo che il 19 dicembre scorso il presidente statunitense Donald Trump ha annunciato il ritiro delle forze Usa dalla Siria, mossa che ha spianato la strada all’eventuale offensiva turca ma che ha anche indotto le Ypg a chiedere aiuto al presidente siriano Bashar al Assad. Il 28 dicembre le forze governative siriane hanno fatto sapere di aver issato la bandiera nazionale nel centro di Manbij. "Sulla base del pieno impegno delle forze armate ad assumere responsabilità nazionali nell'imposizione della sovranità statale su ogni parte del territorio della Repubblica araba siriana e in risposta all’appello della popolazione locale, il comando generale delle Forze armate annuncia l'ingresso delle unità dell'esercito siriano a Manbij”, si legge in una dichiarazione pubblicata dalla “Sana”. (Rum)
ARTICOLI CORRELATI