UE
Mostra l'articolo per intero...
 
Ue: Eurostat, nel 2017 spesa in ricerca e sviluppo a 2,07 per cento Pil, Italia a 1,35 per cento (2)
Bruxelles, 10 gen 15:15 - (Agenzia Nova) - Nel 2017 le maggiori spese per ricerca e sviluppo sono state registrate in Svezia (3,33 per cento) e in Austria (3,16 per cento), seguite dalla Danimarca (3,06 per cento) e dalla Germania (3,02 per cento), tutte superiori al 3 per cento del Pil, mentre Finlandia (2,76 per cento), Belgio (2,58 per cento) e Francia (2,25 per cento nel 2016) hanno registrato una spesa il 2 per cento e il 3 per cento del Pil. All'estremo opposto della scala, otto Stati membri hanno registrato una spesa inferiore all'1 per cento: Romania (0,5 per cento), Lettonia (0,51 per cento), Malta (0,55 per cento), Cipro (0,56 per cento), Bulgaria (0,7 per cento), Croazia (0,86 per cento), Lituania e Slovacchia (entrambi 0,88 per cento). Negli ultimi dieci anni, l'intensità spesa è aumentata in ventuno Stati membri, con i maggiori aumenti in Austria (dal 2,42 per cento nel 2007 al 3,16 per cento nel 2017, o 0,74 punti percentuali) e in Belgio (dall'1,84 per cento nel 2007 al 2,58 per cento nel 2017, o +0,74 punti percentuali). Al contrario, l'intensità della ricerca e dello sviluppo è diminuita in sei Stati membri, soprattutto in Finlandia (-0,59 punti percentuali) e in Lussemburgo (-0,33 punti percentuali). A Malta, la spesa è rimasta allo 0,55 per cento. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI