OSCE
Mostra l'articolo per intero...
 
Osce: ministeriale Milano, ribadita "dimensione mediterranea" ma svolte su sicurezza giornalisti e conflitti Transnistria e Nagorno-Karabakh
Milano, 07 dic 17:50 - (Agenzia Nova) - Maggiore attenzione dell’Osce verso l’area mediterranea, sviluppi positivi per rilanciare il dialogo volto a risolvere i conflitti “protratti” nella Transnistria (regione separatista filorussa della Moldova) e nel Nagorno-Karabakh (territorio del Caucaso conteso tra Azerbaigian e Armenia), adozione di un documento condiviso sull’incolumità dei giornalisti. Questi i successi principali della presidenza di turno italiana dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), secondo quanto emerso al termine della due giorni della riunione ministeriale a Milano, che sancisce il passaggio di consegne alla presidenza slovacca del 2019. Quella di Milano è stata una riunione inevitabilmente segnata dalle recenti tensioni tra Russia e Ucraina nel Mar d’Azov, con i ministri degli Esteri di Russia e Ucraina, Sergej Lavrov e Pavlo Klimkin, per la prima volta seduti allo stesso tavolo dopo il sequestro da parte russa delle navi e dei 24 marinai ucraini accusati di essere entrati illegalmente le acque territoriali russe nello stretto di Kerch. Mosca e Kiev “rimangono molto distanti”, ha ammesso Moavero parlando ai giornalisti a margine della riunione. (segue) (Pav)
ARTICOLI CORRELATI