BRASILE
Mostra l'articolo per intero...
 
Brasile: vigilanza borsistica denuncia irregolarità nella fusione Oi–Portugal Telecom
Brasilia, 06 dic 18:05 - (Agenzia Nova) - La Commissione di valori mobiliari (Cvm), organo di vigilanza della borsa brasiliana, ha accusato di irregolarità diversi protagonisti del processo di fusione realizzato nel 2013 tra la compagnia telefonica Oi e Portugal Telecom. L'accusa, il frutto di due indagini aperte dalla Cvm nel 2016, è rivolta a otto società e 28 tra manager e membri - in carica e dimessi - del consiglio di amministrazione di Oi. La fusione tra le due società di telefonia, appoggiata dai governi dell'epoca guidati dal Partito dei lavoratori (Pt), puntava a creare una super compagnia telefonica transnazionale, con affari in Brasile, Portogallo e in diversi paesi dell'Africa. L'operazione, tuttavia, è stata considerata dai soci di minoranza come uno stratagemma per arrivare alla richiesta di concordato fallimentare presentata da Oi nel 2016, per cercare di superare un debito da 65 milioni di reais (circa 15 milioni di euro) in valori dell'epoca. (segue) (Brb)
ARTICOLI CORRELATI