SIRIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Siria: tensioni Russia-Usa ma situazione sul terreno resta invariata (7)
Damasco, 28 giu 2017 17:26 - (Agenzia Nova) - Nel frattempo, le forze curdo-arabe sostenute dagli Usa stanno avanzando a Raqqa, roccaforte dello Stato islamico in Siria, area in cui, secondo gli sviluppi degli ultimi mesi, le forze russe non sono attive. A inizio marzo i capi di stato maggiore di Turchia, Russia e Stati Uniti, rispettivamente Hulusi Akar, Valerij Gerasimov e Joseph Dunford, si sono incontrati ad Antalya, città turca sul Mar Nero, per discutere della guerra in Siria. In quell’occasione è emerso chiaramente come i tre paesi fossero interessati a dividersi le zone di influenza: Washington impegnata sul fronte di Raqqa insieme ai curdi, la Russia presente invece attivamente, a fianco delle forze di Assad, nell'area di Deir ez Zor e di Homs e infine la Turchia nella regione più settentrionale della Siria, vicino al confine, nei dintorni della città di Jarabulus e delle zone sotto il controllo curdo, come quella di Afrin. In quest’area ieri le forze turche hanno risposto al fuoco delle Unità di protezione popolare curde (Ypg), a sud della città di Azaz. "Cinque veicoli di appoggio nella regione sono stati usati per rispondere al fuoco molesto e gli obiettivi terroristici identificati sono stati distrutti o neutralizzati", si legge in una nota. La zona in cui è avvenuto lo scambio di colpi d'artiglieria è vicina alla città turca di Kilis, già nota per essere stata oggetto di attacchi provenienti dal territorio siriano. (Res)
ARTICOLI CORRELATI