KOSOVO-SERBIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Kosovo-Serbia: rischio di stallo nel dialogo dopo incontro a Bruxelles tra presidenti Thaci e Vucic (3)
Pristina, 09 nov 13:15 - (Agenzia Nova) - L'Unione europea, tramite la portavoce della Commissione Maja Kocjancic, ha chiesto nelle scorse ore al governo del Kosovo di chiarire urgentemente la decisione di aumentare la tassazione sui prodotti importati dalla Serbia e dalla Bosnia. Secondo la portavoce dell'Ue, Bruxelles si aspetta che Pristina ritiri quando prima la misura annunciata dal premier kosovoaro Ramush Haradinaj. Kocijancic ha affermato inoltre che la decisione rappresenta "una chiara violazione" del concetto di cooperazione regionale e dell'accordo centroeuropeo di libero scambio (Cefta, dall'acronimo inglese Central European Free Trade Agreement - accordo di libero scambio regionale tra ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Serbia, Kosovo, Bosnia, Montenegro, Albania e Moldova). Ma il vicepremier di Pristina Enver Hoxhaj ha chiarito che il Kosovo non intende rinunciare a tale misura, almeno prima che la Serbia porrà fine alla campagna "sporca" contro il suo paese. Secondo i dati del ministero degli Esteri della Serbia, hanno ritirato il proprio riconoscimento al Kosovo l'Unione delle Comore, Grenada, Dominica, Suriname, Liberia, Sao Tome e Principe, Guinea Bissau, Burundi, Papua Nova Guinea e Lesotho. Secondo la diplomazia di Pristina, i paesi che riconoscono il Kosovo come uno Stato indipendente rimangono invece 116. (segue) (Kop)
ARTICOLI CORRELATI