TUNISIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Tunisia: vicepresidente Europarlamento Castaldo a "Nova", paese faro di democrazia nel mondo arabo (4)
Tunisi, 09 mag 12:40 - (Agenzia Nova) - Lo scrutinio delle schede elettorali delle prime consultazioni municipali in Tunisia dopo la rivoluzione del 2011, che è ancora in corso, confermerà solo in parte le anticipazioni degli exit poll. Secondo fonti dell’Istanza superiore indipendente per le elezioni (Isie) consultate da “Agenzia Nova”, a ricevere più voti domenica scorsa, 6 maggio, sono state le liste indipendenti, con il 32,27 per cento delle preferenze. Il movimento islamico moderato Ennahda si conferma invece il primo partito con il 28,64 per cento delle preferenze (in linea con il risultato di quattro anni fa), ma con ben otto punti di distacco sui laici di Nidaa Tounes, fermi al 20,85 per cento (un tracollo rispetto al 37,5 per cento delle legislative del 2014). Segue la Corrente democratica (di orientamento socialdemocratico e panarabo) con il 4,18 per cento dei voti; il Fronte popolare (la maggiora formazione della sinistra) con il 3,95 per cento, l’Unione civile con l’1,77 per cento; Macrou Tounes (formato da ex membri di Nidaa Tounes) con l’1,44 per cento; il partito dei Destouriani liberi (Pdl, considerati vicini al deposto presidente Ben Ali), con l,1,38 per cento; chiudono Tounes al Irada, il Movimento del popolo entrambi con l’1,33 per cento, e il partito Afek Tunes con l’1,06 per cento. (segue) (Asc)
ARTICOLI CORRELATI