INFRASTRUTTURE
Mostra l'articolo per intero...
 
Infrastrutture: corsa delle economie asiatiche a colmare il divario degli investimenti
Tokyo, 22 nov 2017 12:05 - (Agenzia Nova) - La grande crescita economica dei paesi del Sud-est Asiatico non è accompagnata da uno sviluppo adeguato delle infrastrutture e dei servizi e, nonostante i tanti progetti e investimenti nel settore, le capitali della regione restano tra le città più trafficate al mondo. Il traffico automobilistico è infatti il sintomo della rapida crescita economica di quei paesi, che però non registrano uno sviluppo infrastrutturale adatto. Problemi e sfide analoghi caratterizzano, tra le altre, le città di Manila, Giacarta, Ho Chi Minh City e Kuala Lumpur. All’inizio dell’anno, la Banca asiatica di sviluppo (Adb) ha stimato che le sette principali economie emergenti dell’Associazione delle nazioni del Sud-est Asiatico (Asean) – esclusi Singapore, Brunei e Laos – abbiano complessivamente un fabbisogno annuo di investimenti infrastrutturali nell’ordine di 147 miliardi di dollari di qui al 2020 per mantenere la loro crescita economica ai livelli attuali. L’investimento annuo complessivo di quei paesi, però, è di appena 55 miliardi, equivalenti al 2,3 per cento del loro Pil combinato. Questo deficit appare in tutta la sua drammaticità soprattutto a Giacarta, città che figura ogni anno nei primi cinque posti della classifica delle città mondiali più trafficate. (segue) (Git)
ARTICOLI CORRELATI