ENERGIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Energia: Arabia Saudita, produzione petrolifera aumentata di 458 mila barili al giorno a giugno (2)
Riad, 06 lug 12:52 - (Agenzia Nova) - In questi 18 mesi diversi paesi, in particolare quelli del Golfo, hanno compiuto tagli alla produzione superiori alla quota concordata nell’accordo del 2016, e un ritorno ai livelli stabiliti significa un aumento della produzione di circa 1 milione di barili al giorno. Dal momento che alcuni paesi hanno difficoltà materiali ad aumentare la propria produzione nell’immediato l’aumento andrà dai 700 mila agli 800 mila barili al giorno. Secondo un’analisi dell’agenzia specializzata “Bloomberg”, il livello di conformità all’accordo dei paesi Opec ha raggiunto a maggio il livello record del 162 per cento, mentre per produttori al di fuori del Cartello guidati dalla Russia il tasso di conformità nel mese di maggio è stato del 54 per cento. Il tasso di conformità straordinaria registrato dall’Opec nel mese di maggio ha una forte componente “involontaria” rappresentata dal Venezuela. In base all’accordo del 2016, il paese avrebbe dovuto ridurre la sua produzione di 95 mila barili al giorno, ma a causa della crisi economica il suo output è diminuito di 675 mila barili. Il secondo paese che ha effettuato tagli superiori alla propria quota è l’Arabia Saudita con una media di 557 mila barili al giorno rispetto ai 486 mila concordati nell’accordo del 2016. Il terzo paese Opec è l’Angola che ha tagliato la produzione di 226 mila barili a fronte di una quota concordata di 78 mila. Tra i paesi non Opec solo Messico, Brunei e Sudan hanno di fatto superato la quota concordata. La Russia, principale produttore della cordata di paesi al di fuori del Cartello ha invece tagliato la produzione in media di circa 262 mila barili al giorno, rispetto alla quota di 300 mila barili concordata a Vienna nel 2016. (Res)
ARTICOLI CORRELATI