CINA
Mostra l'articolo per intero...
 
Cina: arcipelago Paracelso, governo concede isole disabitate fino a 50 anni per progetti turistici ed edili
Pechino, 07 lug 11:33 - (Agenzia Nova) - La provincia cinese meridionale di Hainan, che amministra le isole e le acque dichiarate nel sud del Mar Cinese, darà in concessione isolotti disabitati a scopi turistici e di costruzioni fino a 50 anni. Lo riferisce un documento ufficiale del dipartimento degli Oceani e della pesca di Hainan e citato da "The Japan Times", secondo il quale "qualsiasi ente o individuo" che desideri sviluppare le isole disabitate è libero di comunicare all'amministrazione un piano per il loro sviluppo. L'iniziativa si concentra in particolare sulle isole disabitate dell'arcipelago Paracelso, appartenenti alla Cina ma rivendicate anche da Vietnam e Taiwan. Qui si trova inoltre la Woody island, centro strategico per numerose operazioni gestite dalla Marina di Pechino. Secondo il rapporto, il periodo di tempo per lo sviluppo delle isole disabitate varia a seconda dell'uso. Per l'acquacoltura potranno essere utilizzate per 15 anni, i progetti di turismo e divertimento prevedono 25 anni, i progetti dell'industria salina e mineraria 30 anni, quelli di benessere pubblico per 40 anni e i progetti di costruzione di porti e cantieri per 50 anni. La concessione del territorio prevede un "affitto" dell'isola, meccanismo che secondo i media gioverà anche all'obiettivo cinese di costruire una zona di libero scambio per lo sviluppo economico. Per la stampa, inoltre, l'iniziativa sulle isole disabitate Paracelso è un tentativo di sviare dalle attività militari che vanno sviluppandosi in zona. Pechino ha costruito una serie di avamposti militari nel Mar Cinese Meridionale, che include rotte vitali attraverso le quali passano ogni anno circa 3mila milioni di dollari del commercio globale. Filippine, Vietnam, Malesia, Taiwan e Brunei hanno ugualmente avanzato rivendicazioni su questa zona. Nonostante l'impegno del presidente cinese Xi Jinping a non militarizzare ulteriormente l'area, tre degli isolotti artificiali di Pechino dispongono di aerodromi di livello. A maggio, l'aeronautica cinese ha scaricato dei bombardieri su Woody island come parte di un esercizio di allenamento. (segue) (Cip)
ARTICOLI CORRELATI