MEDIO ORIENTE
Mostra l'articolo per intero...
 
Medio Oriente: analisti Wood Mackenzie a "Nova", gas nel Mediterraneo sta cambiando gli equilibri nella regione
Il Cairo, 26 apr 16:01 - (Agenzia Nova) - Le recenti scoperte di gas nel Mediterraneo orientale hanno acuito le rivalità regionali, ma anche avvicinato alcuni attori fondamentali dell’area, rimescolando le carte in una “zona calda” per gli equilibri geopolitici del Medio Oriente. E’ quanto riferito ad “Agenzia Nova” dagli esperti della società di consulenza britannica Wood Mackenzie, recentemente ingaggiato dal governo egiziano per effettuare ricerche volte alla modernizzazione del settore minerario del paese delle piramidi. Da una parte, infatti, vi è una riacutizzazione della rivalità tra Turchia e autoproclamata Repubblica turca di Cipro del Nord (Rtcn) contro Grecia e Repubblica di Cipro dall’altra, ma anche del gruppo sciita libanese Hezbollah contro Israele. Dall’altra vi è un avvicinamento fra gli attori regionali, e in particolare tra Egitto, Israele, Grecia e Cipro. “Questo rapporto è fondamentale per portare sul mercato il gas offshore israeliano e cipriota e aiutare l'Egitto a diventare uno snodo per il gas”, spiega Anthony Skinner, direttore delle politiche per il Medio Oriente il Nord Africa di Verisk Maplecroft (società che fa capo a Versik Analitcs e che controlla anche Wood Mackenzie). (segue) (Cae)
ARTICOLI CORRELATI