SPECIALE ENERGIA

 
 

Speciale energia: Germania, rimandato l'accordo sulla commissione carbone

Berlino, 31 mag 2018 14:30 - (Agenzia Nova) - La commissione governativa tedesca incaricata di individuare le modalità per eliminare gradualmente la lignite dal mix energetico nazionale non sta guadagnando terreno. Il governo federale non è stato in grado di raggiungere un accordo sulle ultime domande aperte alla riunione del Consiglio dei ministri. Il governo federale doveva decidere nella mattinata di mercoledì l'istituzione della commissione "Crescita, cambiamenti strutturali e occupazione" (Wbs). "Siamo d'accordo sulla questione", ha fatto sapere dal ministero federale dell'Ambiente. "Il ritardo di oggi non influirà sul calendario della Commissione". Entro la fine di dicembre 2018, la Commissione dovrebbe sviluppare un percorso di uscita dal carbone che soddisfi gli obiettivi di protezione del clima a breve, medio e lungo termine, compresa una data di chiusura per la lisciviazione del carbone marrone in Germania. Inoltre, la Commissione presenterà proposte per lo sviluppo strutturale nelle regioni interessate, con l'obiettivo di rafforzare la crescita e l'occupazione. Secondo informazioni dell'"Handelsblatt", a capo della Commissione dovrebbe esserci il cristiano democratico Ronald Pofalla accanto all'ex presidente socialdemocratico e da lungo tempo primo ministro del Brandeburgo Matthias Platzeck e l'ex premier della Sassonia, il cristiano democratico Stanislaw Tillich. Quarto membro previsto dovrebbe essere Barbara Praetorius, professoressa di Sostenibilità, Economia ambientale e Politica presso l'Università di Scienze Applicate di Berlino (Htw). La Commissione sarà accompagnata da un comitato di Stato, composto da rappresentanti di otto ministeri: Economia, Ambiente, Interno, Lavoro, Finanza, Agricoltura, Trasporti e Ricerca. Gli altri ministeri che sono rilevanti per lo sviluppo strutturale dovrebbero essere coinvolti nelle riunioni, se necessario. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE