LIBIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Libia: ambasciatore Perrone a "la Repubblica", senza Costituzione impossibile andare al voto

Roma, 28 mag 2018 08:52 - (Agenzia Nova) - La situazione di tensione a Tripoli è reale, il confronto continua. Lo ha detto l'ambasciatore italiano in Libia, Giuseppe Perrone, in una intervista a "la Repubblica". Fortunatamente - continua l'ambasciatore - in questi due giorni non ci sono stati scontri armati: "ma è chiaro che questo rimescolamento delle carte fra le milizie incide sui rapporti fra il governo e i gruppi della sicurezza, rapporti che consolidati con un lavoro di mesi, equilibri strategici per la sicurezza stessa dell'Italia". Sabato mattina ci siamo svegliati con le notizie della Guardia presidenziale di Fayez Serraj che era stata sloggiata dai palazzi del governo. Perrone non ritiene si tratti di un "colpo militare": "È un riequilibrio nella presenza delle forze, una rotazione che il presidente Serraj sta gestendo politicamente, con moderazione e saggezza". Quacuno lo mette in relazione anche alla convocazione della Conferenza di Parigi, che ha messo la città di Misurata in difficoltà: "Non si può fare un collegamento diretto fra la convocazione di una conferenza politica, per quanto possa essere avvenuta in fretta , e quello che è successo fra le milizie a Tripoli. Ma una cosa è certa: l'equilibrio fra igruppi militari che collaborano con il governo è molto fragile, e una iniziativa improvvisa, incentrata su alcuni personaggi invece che su altri, può contribuire a creare incertezza. Con il rischio di fare da catalizzatore di fenomeni di destabilizzazione". (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE