SPECIALE INFRASTRUTTURE
 
Speciale infrastrutture: Cina, al via collaudi della linea ferroviaria Guangzhou-Shenzhen-Hong Kong
Pechino, 16 mag 18:00 - (Agenzia Nova) - Sono iniziati questa settimana in Cina i collaudi operativi della nuova linea ferroviaria ad alta velocità linea ferroviaria ad alta velocità Guangzhou-Shenzhen-Hong Kong (Xrl). Il primo treno ad alta velocità ha lasciato la stazione meridionale di Guangzhou lunedì, ed ha raggiunto il capolinea di West Kowloon in un’ora e 18 minuti. La nuova linea ferroviaria è lunga in tutto 140 chilometri. China Railway Corporation (Cr) ha firmato nei mesi scorsi un memorandum d’intesa con il governo della regione amministrativa speciale di Hong Kong per l’avvio delle operazioni di collaudo della linea ferroviaria ad alta velocità Guangzhou-Shenzhen-Hong Kong (Xrl).

L’accordo prevede per la prima fase delle operazioni 127 convogli giornalieri in ciascun senso di percorrenza, inclusi 13 che raggiungeranno direttamente Pechino, Shanghai, Kunming, Guilin, Guiyang, Shijiazhuang, Zhengzhou e altre città della Cina continentale. Il memorandum è stato firmato dal segretario dei Trasporti di Hong Kong, Chan Fan, e dal direttore dell’Ufficio generale di Cr, Han Jiangpig. Alla firma hanno assistito anche l’ad di Hong Kong, Lam Cheng Yuet-ngor, e il general manager di Cr, Lu Dongfu. Lam ha spiegato che le due parti hanno raggiunto un accordo di principio in merito ai finanziamenti e alle questioni operative, e che il tratto di Hong Kong della linea ad alta velocità dovrebbe essere operativo entro il terzo trimestre 2018.

Proseguono in Cina i lavori tesi a potenziare il sistema dei trasporti e interconnettere i centri urbani nell’area della Grande Baia di Guangdong-Hong Kong-Macao, una macroarea urbana che ospita 66 milioni di persone distribuite a Macao, Hong Kong e in sei città della provincia di Guangdong. Il governo cinese ha avviato la costruzione di una serie di progetti infrastrutturali, tra cui spiccano il ponte Hong Kong-Zhuhai-Macao e la linea ferroviaria ad alta velocità Guangzhou-Shenzhen-Hong Kong. Il primo tratto di quest’ultima infrastruttura è attivo dal 2011, e la sezione di Hong Kong dovrebbe essere ultimata il prossimo anno. Il progetto integrerà Hong Kong alla rete ferroviaria cinese ad alta velocità tramite un tunnel lungo 26 chilometri.

Una volta ultimato, il progetto consentirà di viaggiare da Hong Kong a Guangzhou, capitale della provincia di Guangdong, in soli 48 minuti, contro le attuali due ore. Il ponte Hong Kong-Zhuhai-Macao, invece, diverrà una volta ultimato il ponte marittimo più lungo al mondo; il progetto consiste in un ponte di 22,9 chilometri seguito da un tunnel sotterraneo di 6,7 chilometri, che attraverserà il delta del Fiume delle Perle. Con la sua caratteristica forma a “Y”, il ponte ridurrà il tempo di percorrenza da Hong Kong a Zhuhai da tre ore ad appena 30 minuti. A queste due infrastrutture il governo cinese ne sta affiancando una serie di accessorie, come il porto Prince bay Cruise di Shenzhen, che già oggi collega via traghetto la città a Zhuhai, Hong Kong e Macao.

Il governo cinese sta ultimando un piano di sviluppo nazionale per la Grande Baia di Guangdong-Hong Kong-Macao, che porrà in cima all’agenda le infrastrutture e la connettività. Lo ha annunciato Ma Xingrui, governatore della provincia meridionale cinese di Guangdong, durante la prima sessione della 13ma Assemblea nazionale del popolo, lo scorso marzo. Il piano porrà in una prospettiva organica i grandi progetti in corso d’opera nella regione, a partire dalla linea ferroviaria ad alta velocità Guangzhou-Shenzhen-Hong Kong (Xrl), che dovrebbe essere ultimata nel terzo trimestre del 2018, e divenire la colonna portante della rete dei trasporti dell’area, riducendo il tempo di percorrenza tra Guangzhou e Hong Kong a soli 48 minuti e quello tra Shenzhen e Hong Kong a 14 minuti. Ma ha anche dichiarato che i lavori del tunnel sottomarino che collegherà Shenzhen, Dongguan, Huizhou, Zhuhai, Zhongshan e Jiangmen hanno subito una accelerazione, e che il ponte Humen II, tra Guangzhou e Dongguan, aprirà al traffico il prossimo anno. (Cip)
ARTICOLI CORRELATI