USA
 
Usa: dazi, la Casa Bianca mette a dura prova il sistema commerciale che Washington ha contribuito a creare
Washington, 08 mar 21:25 - (Agenzia Nova) - Il piano del presidente Donald Trump di imporre dazi di importazione su acciaio e alluminio minaccia il già “malconcio regime commerciale mondiale” innalzando misure protezionistiche nel tentativo di addomesticare il capitalismo di Stato cinese. È quanto riporta il quotidiano “Wall Street Journal”, ricordando che il presidente formalmente darà il via libera ai dazi, che hanno fatto infuriare i principali alleati Usa, entro questa settimana. L’Unione Europea ha fatto sapere che in rappresaglia potrebbe, a sua volta, imporre immediatamente dazi doganali pari a 3,5 miliardi di dollari sui prodotti statunitensi. I dazi statunitensi sull’acciaio, al 25 per cento e sull’alluminio, al 10 per cento, che sarebbero legati a motivi di sicurezza nazionale, stanno obbligando i membri dell’Organizzazione mondiale del commercio (Omc), a confrontarsi con le carenze e le debolezze del sistema di commercio mondiale. Gli Stati Uniti hanno contribuito alla creazione dell’Omc nel 1995, ma Trump rimprovera all’Organizzazione di essere un sistema fallato e che rema contro gli interessi Usa. In realtà anche tra i paesi europei c’è chi teme che una subitanea rappresaglia che non passi da un’approvazione dell’Omc potrebbe aprire scenari sconosciuti. L’Organizzazione ha funzionato per decenni perché a cominciare dagli Stati Uniti, i suoi membri hanno operato nel rispetto delle sue regole anche quando non erano d’accordo. Gli alleati di Washington potrebbero chiedere all’Omc di analizzare le ragioni di sicurezza nazionale addotte dagli Usa, un’ipotesi che il segretario al Commercio statunitense, Wilbur Ross, condanna sostenendo che la UE “non si può permettere di stabilire per noi ciò che deve essere considerata materia di sicurezza nazionale”. (Res)
ARTICOLI CORRELATI