BRASILE
 
Brasile: paese mostra maggiore espansione della produzione di veicoli tra i mercati emergenti
Brasilia, 08 mar 23:10 - (Agenzia Nova) - Una ricerca pubblicata dall’Organizzazione internazionale dei produttori di automobili (Oica) mostra come il Brasile è, tra i principali mercati del mondo, quello dove si è registrata la maggiore crescita della produzione di veicoli nel 2017. Lo riporta oggi il quotidiano brasiliano “O Estado de S.Paulo”. Secondo i dati dell’Oica, la produzione automobilistica in Brasile è aumentata del 25 per cento lo scorso anno, segnando una ripresa rispetto alla crisi economica che ha colpito il gigante sudamericano ma rimanendo ancora al di sotto dei livelli di produzione raggiunti tra il 2012 e il 2013. Nel 2016, l'industria brasiliana aveva prodotto 500 mila unità in meno. "Siamo lieti che la recessione sia stata superata in Brasile", ha dichiarato il presidente di Oica ed ex ministro dei trasporti tedesco, Matthias Wissmann, durante il salone dell’Auto di Ginevra, dove i dati della ricerca sono stati presentati.

Oggi il Brasile è il nono maggior produttore mondiale di autoveicoli, con 2,69 milioni di unità prodotte ogni anno, superando persino la Francia. Secondo l’Oica, il Brasile era diventato il settimo produttore mondiale nel 2012, ma con la recessione, la produzione era diminuita dell'11 per cento e il paese stava per uscire dall'elenco dei dieci maggiori produttori al mondo. Attualmente, il più grande produttore di automobili del mondo è la Cina, con 29 milioni di unità, con un'espansione del 3 per cento nel 2017. Negli Stati Uniti sono state raggiunte le 11 milioni di unità di autoveicoli prodotte, ma la produzione si è contratta dell’8 per cento nel 2017. Nel caso del Brasile, non è stata solo la produzione a riprendersi. Le vendite sono aumentate lo scorso anno, passando da 2 milioni di unità nel 2016 a 2,2 milioni nel 2017. Una crescita delle immatricolazioni ancora timida che mantiene il Brasile come l’ottavo mercato più grande del mondo, superando l'Italia e il Canada. La valutazione dell'entità è che le vendite siano ancora lontane dai livelli precedenti alla crisi e che il Brasile sia tornato ad avere i dati di vendita del 2005. "Ma almeno c’è stata un’inversione di tendenza", ha affermato Wissmann. Nel 2014, il Brasile era stato il quarto mercato più grande al mondo per livello di vendite, e nel 2012 erano state vendute 3,8 milioni di unità.

I segnali di ripresa del settore automobilistico in Brasile hanno influenzato tutto il Sud America, che ha visto un aumento delle vendite del 12 per cento, arrivando a 4,6 milioni di unità. Nel 2013, la regione aveva un mercato di 6,3 milioni di veicoli. La produzione regionale è aumentata nel 2018 nel 2017 per un totale di 3,2 milioni di unità. Anche a livello globale si è registrata una ripresa. Wissmann ha indicato che il mercato automobilistico è cresciuto per l'ottavo anno consecutivo. Nel 2017, le vendite sono aumentate del 3,1 per cento, arrivando a 96,8 milioni di veicoli. La produzione, tuttavia, è aumentata del 2,4 per cento. Entro il 2018, la tendenza è che la crescita continui, ma a un tasso inferiore all'1 per cento. "Stiamo per raggiungere il traguardo di 100 milioni di unità automobilistiche prodotte all'anno", ha dichiarato Wissmann, che ha indicato la Cina come il principale responsabile per l'espansione del settore. "Nel 2000, la Cina aveva le dimensioni del mercato olandese. Nel 2005, era equivalente alla Germania. Oggi è il più grande mercato del mondo", ha spiegato il presidente di Oica. (Brb)
ARTICOLI CORRELATI