BULGARIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Bulgaria: analisti, crescita economica non supererà l'1,5 per cento nel 2013 (2)
Sofia, 02 gen 2013 08:11 - (Agenzia Nova) - Le stime degli economisti bulgari sulla fine della crisi del debito nell’eurozona sono controverse. Il capo economista di Unicredit Bulbanl, Kristofor Pavlov, sostiene che la situazione di crisi si sta progressivamente ritirando, mentre la scena dei mercati finanziari internazionali resta in continua evoluzione. Secondo Pavlov in Bulgaria ci sono nuovi investimenti che garantiranno profitti nell’anno appena iniziato. “Si ritornerà a volgere lo sguardo verso i mercato dell'Europa orientale, mentre i tassi di interesse stanno calando e invertito lo spostamento dei flussi di capitale. Per i primi nove mesi dell’anno il bilancio finanziario avrà un saldo positivo del 3 per cento, rispetto al deficit registrato nello stesso periodo dello scorso anno. Questo significa che ci sono migliori condizioni per ottenere crediti e questo fattore sarà determinate per le imprese che potranno rinegoziare le rispettive situazioni d’indebitamento e gli oneri pregressi”, ha dichiarato Pavlov. (segue) (Bus)
ARTICOLI CORRELATI