SPECIALE ICT
 
Speciale Ict: le Smart TV sono facili da hackerare, a rischio la privacy degli utenti (Nova/Key4biz)
Roma, 09 feb 10:27 - (Agenzia Nova) - La Consumer Union americana, organizzazione senza scopo di lucro che dedica test imparziali sui prodotti di consumo e fa ricerche orientate al consumatore, ha appena dato la notizia su Consumer Reports. Milioni di smart TV possono essere controllate facilmente da hacker che sfruttano falle di sicurezza. Secondo la rivista, la vulnerabilita' e' stata riscontrata in TV Samsung, TCL e dispositivi che utilizzano la piattaforma Roku TV, che puo' includere marchi come Philips, RCA, Hisense, Hitachi, Insignia e Sharp, insieme ad alcuni dei lettori di streaming di Roku. Dal report e' risultato che un hacker (anche poco esperto) puo' cambiare canale o alzare il volume, aprire i contenuti di YouTube o spegnere la TV. Inoltre, i test hanno rilevato che le smart TV hanno sollevato problemi di privacy raccogliendo informazioni molto dettagliate sui loro utenti. I consumatori possono limitare la raccolta dei dati ma devono rinunciare a molte delle funzionalita' delle TV, suggerisce Consumer Reports. "Lo standard digitale puo' essere utilizzato per valutare molti prodotti che raccolgono dati e si connettono a Internet" ha commentato Maria Rerecich, che supervisiona i test elettronici presso Consumer Reports. "Le smart TV erano un punto di partenza naturale. Queste tecnologie stanno crescendo notevolmente da un punto di vista di vendite e possono trasmettere una notevole quantita' di informazioni sui loro utenti ai produttori di TV e ai loro partner commerciali. L'obiettivo - continua Rerecich - e' quello di educare i consumatori sulla loro privacy e sulle opzioni di sicurezza e di influenzare i produttori a prendere in considerazione queste preoccupazioni durante lo sviluppo dei loro prodotti". Secondo Consumer Report i test hanno rilevato che i televisori monitoravano costantemente cio' che i loro proprietari stavano osservando e trasmettevano al TV maker e/o ai suoi partner commerciali, tutte le informazioni sul cliente utilizzando una tecnologia chiamata ACR (Automatic Content Recognition). L'ACR aiuta la TV a capire quali altri spettacoli ti potrebbero piacere, ma i dati possono essere combinati con altri aspetti delle informazioni personali per aiutare a creare profili sul comportamento che vengono venduti ad altri operatori di marketing. Consumer Reports consiglia ai proprietari di smart TV che desiderano proteggere la loro privacy di controllare i manuali di istruzioni su come ripristinare le impostazioni di fabbrica del televisore e impostarli nuovamente, prestando molta attenzione a non ricevere i dati di visualizzazione raccolti. In tal caso, consigliano di prestare molta attenzione durante l'installazione. In questo caso, puoi accettare la politica sulla privacy di base e i termini del servizio, che comunque attivano una quantita' significativa di raccolta dati, mentre si riduce l'ACR. Per aumentare notevolmente la privacy e' possibile sia disattivare totalmente l'ACR, utilizzando le impostazioni della TV, anche se queste impostazioni sono in genere sepolte da tre o quattro menu difficili da trovare, e disattivare la connessione WiFi del televisore. Fai questo, pero', e in pratica non hai piu' una smart TV. E' necessario aggiungere un dispositivo multimediale di streaming separato per ottenere contenuti basati sul Web. Udite udite, ma anch'esso a rischio vulnerabilita'.
 
Agenzia Nova
ARTICOLI CORRELATI